Bentornato. Accedi all'area riservata







Non ti ricordi i dati di accesso?Recupera i tuoi dati

Crea il tuo account

2 SHARES

Quando per vincere non è sufficiente la macchina

03/05/2010 15582 lettori
5 minuti

Tante, troppe volte nel corso della nostra attività ci è capitato di sentire i clienti commentare: "cosa ci vuole, tanto con il computer è un attimo".
Come se la creatività, l'idea, l'intuizione vincente fossero esclusivamente legati a un freddo algoritmo informatico o a un semplice comando di photoshop.
A questi clienti siamo soliti rispondere con una domanda: "se è sufficiente avere il mezzo allora basta che lei salga su una ferrari per diventare campione del mondo di formula 1 come Schumacher?".
A quel punto il cliente comincia a porsi degli interrogativi, visto che quasi sicuramente (almeno che non lavoriate per la LaudaAir) non sarà stato un campione del mondo.
La "macchina" non è sufficiente, ci vuole la persona. E sono proprio le persone che i clienti "comprano" quando si affidano ai servizi di consulenza.
La persona oltre a far funzionare al meglio la "macchina" (visto che ha una competenza tecnica specifica) ci mette anche quel qualcosa in più che gli permette di tradurre in realtà un mix di esperienza, di sensibilità, di conoscenze maturate nel corso degli anni, toccando con mano ogni giorno tutte le problematiche della comunicazione.
Ma spesso è proprio questo aspetto a mettere in imbarazzo certi clienti.
Il saper di "dipendere" da altre persone, quindi da un rapporto di interazione unico nel suo divenire, crea in alcuni casi un senso di disagio come se si palesasse un senso di inferiorità che non ha comunque riscontro nella realtà delle cose.
In alcuni frangenti, il cliente fa difficoltà ad affidarsi ad altre persone. Lo percepisce come una perdita di controllo, una perdita della facoltà di scelta, forse una perdita di potere contrattuale.
Con le "macchine" è una fredda questione di affidabilità (funziona o non funziona), con le persone è una questione di fiducia quindi qualcosa di molto più complesso che può essere letta come una maggiore vulnerabilità.
Subentra così quasi una gara a dover dimostrare che i suggerimenti del consulente sono si utili ma non indispensabili.
Una gara inutile perché l'interesse del consulente non è vedere "vincere" le proprie idee ma veder "vincere" il cliente.
Perché se vince il cliente vince anche il rapporto consulente-cliente: un rapporto fiduciario destinato a durare nel tempo.

Federico Rossi
Federico Rossi

Esperto di marketing e comunicazione. Consulente di numerose agenzie di pubblicità fino al 1999, anno in cui fonda Sintesi Comunicazione, agenzia di pubblicità e studio grafico creativo di Padova.
Membro della Commissione marketing e comunicazione del Gruppo Giovani Imprenditori di Unindustria Padova.
Profondo conoscitore delle dinamiche e delle problematiche di comunicazione delle aziende, anche di medie e piccole dimensioni, operanti nei settori industriali e btb.
Può vantare importanti collaborazioni con alcune delle più importanti aziende italiane del settore idrotermosanitario, meccanico, elettronico, assicurativo.