Bentornato. Accedi all'area riservata







Non ti ricordi i dati di accesso?Recupera i tuoi dati

Crea il tuo account

2 SHARES

CALLIGRAFIA IN ESTINZIONE? SCRIVERE BENE SI PUò

22/11/2010 21244 lettori
1 minuto

Nell'era digitale, tra schermi e tastiere, molti faticano a scrivere a mano e prendono appunti sul palmare, ricorrono al cellulare per inviti, ringraziamenti, persino corteggiamenti. Dunque, calligrafia in estinzione? Non proprio. Luca Barcellona, grafico e calligrafo freelance, mette in evidenza quanto sia importante una grafia comprensibile e armonica e come i movimenti della mano siano fondamentali per esprimere se stessi al meglio. E di calligrafia si mettono a punto anche dei veri e propri workshop, come quelli tenuti da Luca Barcellona in varie città europee. A Milano, allo spazio Feltrinelli, se n'è appena concluso uno: sono stati presentati gli strumenti, dai pennini convenzionali a quelli auto-costruiti, e i diversi stili con dimostrazioni pratiche, proiezioni ed esercitazioni. Insomma, se la calligrafia non è un 'dono di natura', la si può acquisire attraverso lo studio e l'esercitazione. La calligrafia, oltretutto, utilizzata in vari campi, interagisce con la tecnologia più di quanto possiamo immaginare.

Elisa Giacalone

Qui di seguito la videointervista a Luca Barcellona, calligrafo freelance.

Elisa Giacalone
Elisa Giacalone

Nata nel 1980, si è laureata a Palermo nel 2004 in Lettere Moderne con una tesi sperimentale dal titolo "Tra giornalismo e letteratura: l'attività giornalistica di Goffredo Parise". E' specializzata in Filologia Moderna e insegna Italiano e Storia in un istituto superiore. Ha cominciato la sua attività giornalistica a diciannove anni in un mensile, «L’Occhio», nel quale ha lavorato due anni a tempo pieno. Si è occupata di reportage turistici, di attualità e di qualche inchiesta. Successivamente l’esperienza dei quotidiani: «La Sicilia» e «La Repubblica» (redazione di Palermo). Ha collaborato con un altro quotidiano, stavolta locale, “Marsala c’è” (pubblicato anche on line, www.marsalace.it) dove si è occupata di cronaca. Ha partecipato a vari concorsi letterari distinguendosi quasi sempre nelle prime posizioni. Ha lavorato come giornalista radiofonica a Radio Italia Anni 60, una delle emittenti dipendenti da Radio Italia Solo Musica Italiana. Ha anche condotto un programma d'informazione e intrattenimento incentrato sulle interviste. Ha vissuto a Londra per alcuni mesi per una workexperience nel settore "Giornalismo" e ha realizzato un progetto di ricerca (in lingua inglese) dal titolo "The evolution of blog and its impact on the journalism profession: an exploratory approach". Attualmente si divide tra il lavoro di insegnante a scuola e la passione del giornalismo e della letteratura che porta avanti attraverso la radio, le collaborazioni giornalistiche e attività culturali varie. Ha anche un blog (www.reporteritinerante.ilcannocchiale.it) dove è possibile leggere i suoi reportage di viaggio e non solo.