Bentornato. Accedi all'area riservata







Non ti ricordi i dati di accesso?Recupera i tuoi dati

Crea il tuo account

2 SHARES

Il Principe dei Draghi

31/05/2009 13325 lettori
5 minuti

Il Principe dei Draghi

 

 

Quella mattina Frà Eridor aveva convocato me, mia madre, mio padre e mia zia nell’antica cittadella medievale per spiegarci cosa stesse accadendo e per coinvolgerci nel progetto di ricostruzione di alcuni edifici. E aveva iniziato a narrarci la storia antica di quel posto magico e misterioso…

 

Era nota in questo borgo la fama dei draghi, i quali dai tempi più remoti erano stati nemici e carnefici degli abitanti, e per alcuni secoli anche loro padroni e persecutori.

 

Essi avevano avuto sempre grossi dissapori con i feudatari del posto, sia per il commercio delle pietre preziose, di cui le cave di quella zona erano ricche, sia per la loro forza, intelligenza e prepotenza, che costituivano una minaccia per l'amministrazione dei reggenti locali. Anche tra i draghi c'era un reggente ereditiere chiamato rispettosamente dagli altri Principe, e proprio di lui s'era persa ogni traccia da qualche tempo, tanto che tutti gli altri draghi erano migrati in lontane vallate e si erano dispersi per il mondo, non avendo più alcun punto di riferimento in quei luoghi.

 

Ma da un po’ di tempo a questa parte, anche se della minaccia dei draghi non c'era più traccia nella valle, accadevano cose strane all’interno del borgo, e il nostro frate, che conoscevamo da sempre ed era un caro amico, volle coinvolgerci in questa impresa di ricostruzione affinché lo aiutassimo a capire da cosa dipendessero alcuni strani accadimenti che si stavano verificando.

 

In più, assieme ai draghi e al loro Principe, ultimamente erano spariti in circostanze misteriosissime alcuni lotti di gemme preziose che, con la loro vendita, avrebbero invece costituito un valido sostentamento per la popolazione, la quale, sempre più povera e indigente, per sopravvivere e con molta rassegnazione aveva dovuto riscoprire le attività agricole a scapito di quelle commerciali.

 

Per questo motivo il feudatario locale aveva deciso di avviare una grossa opera di ricostruzione del borgo, sperando che potesse allo stesso modo ricostruire case, mestieri e animi e dare a se stesso una certa popolarità che gli sarebbe stata utile in futuro, in caso di un possibile ritorno dei terribili draghi.

 

In particolare, tutti erano preoccupati dalle recenti stranezze occorse in una piccola casa diroccata situata sulla destra oltrepassato il ponte levatoio che dava accesso al borgo, nella quale erano stati ritrovati alcuni rubini e smeraldi impastati nei vecchi mattoni e che, nella sua ricostruzione ancora non compiuta, pareva conservasse ancora una forte instabilità tale da tremare tutta e ondeggiare sotto i piedi degli sventurati operai al lavoro nei momenti più imprevisti...

 

Gli abitanti l’avrebbero volentieri rasa al suolo, ma il feudatario non aveva voluto sentire ragioni e aveva impedito a chiunque di compiere una tale (per usare parole sue) ‘nefandezza’, continuando imperterrito con i lavori di restauro e anzi pagando il doppio gli operai che, superando la paura del crollo, avessero voluto offrire le loro braccia per terminare l’opera. Ma nessuno aveva voluto rimanere un minuto di più li dentro…per cui i lavori erano fermi da alcuni giorni…e il feudatario appariva molto infastidito dalla cosa.

 

Raccontatoci questo, il frate ci accompagnò personalmente alla casetta in questione, dato che noi eravamo coloro i quali avevamo accettato, al cospetto del feudatario solo per venali ragioni, di portare quei famosi lavori a compimento…e nel darci questo incarico  Frà Eridor pareva turbato…come se non volesse o potesse dirci di più, ma sperasse che scoprissimo noi quel qualcosa celato nelle viscere della terra e ancor di più nei suoi occhi...

 

Entrammo nella casa dopo esserci congedati dal frate, che aveva espresso la sua risoluta volontà di non voler in alcun modo valicare quella soglia.

 

Intorno a noi trovammo pietre, mattoni e calcinacci disordinatamente sparsi ovunque e alcuni attrezzi del mestiere. Mia madre e mia zia iniziarono subito a darsi da fare per avviare i lavori, mentre mio padre eseguiva alacremente quanto veniva da loro disposto.

 

Sapevo di non essere lì per compiacere il tracotante feudatario, quindi volsi lo sguardo e l’attenzione altrove, investigando i veri motivi della mia chiamata.

 

Passarono le ore e passarono i giorni, il terreno appariva placidamente stabile sotto i nostri piedi, ritrovammo alcune gemme preziose che consegnammo ai tesorieri del borgo e i lavori proseguirono con grande ammirazione da parte di tutti,e con grande ma celata delusione da parte di Frà Eridor e mia.

 

Poi improvvisamente una mattina qualcosa accadde. Lo sentii ansimare e muoversi sotto il peso dell’odio e del potere, e capii. Non avevo molto tempo:dovevo aiutarlo a liberarsi. D’altronde ero lì per quel preciso motivo: Lui era il mio Principe.

 

Mi sforzai di trovare un passaggio nella casa, un modo per sentirlo e farmi sentire, doveva sapere o forse già sapeva che ero arrivata per salvarlo dalla bramosia e delle mire del feudatario, che l’aveva ignobilmente intrappolato in quel sepolcro fatto di volgari pietre e  meravigliosi cristalli.

 

Il Nostro Principe, il Mio Principe era li sotto, sotto quella insignificante e traballante architettura, catturato con l’inganno di un’alleanza e incatenato sotto le fondamenta, coperto da metri e metri di mattoni e calce.

 

Ora che sapevo, lo riconoscevo in tutte le venature del pavimento, in tutti gli interstizi e le screpolature delle mura. Potevo vedere il suo corpo e le sue membra stanche e aggravate da quel peso, che nonostante tutto erano ancora forti e chiedevano libertà e terribile vendetta.

 

A perdifiato corsi verso la Chiesa, arrivai trafelata di fronte al fedele amico frate e senza dire una parola lui capì. E per la prima volta da quando eravamo arrivati al borgo mi sorrise e i suoi occhi mi parlarono di un profondo coraggio che avrei dovuto mostrare per mantenere la promessa a colui che amavo. Solo io potevo liberarlo: lui era parte di me.

 

Corsi di nuovo e arrivai alla casa, feci uscire gli altri e iniziai finalmente a distruggere le mura che i miei avevano costruito in quei mesi, frantumai tutte le mie paure al sordo rimbombo del crollo di quei vincoli che attanagliavano con fiera sopportazione il mio magnifico Principe e me stessa.

 

E finalmente lo trovai…eccolo! Era lì…era lì da tanto, troppo tempo, ma era ancora vivo e pervaso dalla sua solita dignità che lo aveva sempre contraddistinto e fatto di lui il Capo tra i Capi. Lui era la casa….era stato sempre sotto di noi, aveva sorretto il peso dei nostri corpi oltre a quello della pietra…Dovevo trovare la sua testa, farlo respirare e poterci finalmente parlare per interrogarlo e salvarci.

 

Quando finalmente giunsi al suo maestoso capo, mi resi conto con mio sollievo che il feudatario aveva dei nemici tra i suoi fedelissimi nel borgo,non abbastanza temerari, ma ne aveva. Coloro che avevano iniziato i lavori avevano creato una stanza intorno alla sua testa di drago, per permettergli di respirare. Per questa ragione era ancora vivo, e poteva, seppur con fatica, parlarmi.

 

Mi disse “Sei tu”. Ed io risposi “Sempre”.

 

Mi avvinghiai alla sua testa e piansi mille lacrime per lui e per i nostri compagni, per la gioia di averlo ritrovato e perché la vita ed il suo sangue blu scorrevano ancora in lui, nonostante tutte le angherie subite.

 

Ma ne piansi altre mille solo perché lo amavo,e non avrei sopportato di perderlo e passare il resto della mia vita senza di lui.

 

E mentre dissetavo con le nostre afflizioni le sue squame pervinca d’acciaio, sentii che la nostra stirpe si stava riconducendo a quei luoghi da tutte le parti del pianeta e  capii che era finalmente arrivato il nostro tempo, era giunta la Nuova Era dei Draghi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ilaria Di Russo
Ilaria Di Russo

Laureata e specializzata nel 2005 presso l'Universita' degli studi di Teramo, ha studiato: economia e gestione delle imprese, marketing, tecniche manageriali per la comunicazione. Nel 2002 ha partecipato ad un corso di creazione d'impresa, approfondendo elementi di economia, gestione e finanza imparando a realizzare business plan e venendo a contatto, tramite stage, con un'agenzia di comunicazione integrata, con la quale ha collaborato per la prima tesi di laurea, analizzandone gli aspetti strategici della struttura organizzativa e del marketing.
La seconda tesi di laurea della specialistica e' stata invece scritta in collaborazione con la Saatchi&Saatchi.
Nel 2005, dopo aver ottenuto una borsa di studio post-laurea per la ricerca universitaria, consegue la qualifica professionale di esperta in formazione a distanza (e-learning) per la didattica aziendale e la gestione di piattaforme informatiche evolute.
La qualifica e' stata spesa in diverse esperienze, anche in Master per la formazione degli adulti, come tutor e docente e in altre collaborazioni con la Facolta' di Scienze della Comunicazione dell'Universita' degli studi di Teramo. Ha ottenuto un contratto nell'anno 2006 presso la Facolta' di Agraria (Teramo) col ruolo di assistente organizzativo alla didattica per programmare, monitorare e valutare i corsi di laurea. Nello stesso anno ha seguito corsi sulla sicurezza del lavoro e l'organizzazione aziendale. Ha diverse esperienza di docenza, un'ottima conoscenza dell'inglese.
Nel 2005 e' stata convocata come esperta di mass media nel Progetto T.A.G.S. promosso dall'E.A.R.L.A.L.L http://www.earlall.org/tags/ .
Ha conseguito un dottorato di ricerca presso la Facolta' di Scienze Sociali dell'Universita' 'G. d'Annunzio' di Chieti-Pescara e si occupa di fenomeni sociali e ricerca operativa.E' stata invitata nel mese di settembre 2010 al programma televisivo 'Mattina in Famiglia' su Ra1 per prendere parte al dibattito su 'Donne e pubblicita'm come esperta di comunicazione. Ha curato come consulente la pianificazione Marketing nel settore PMI in diverse aziende abruzzesi. Ad oggi continua ad operare nel settore della formazione ed è attualmente coinvolta in diversi progetti.