Trueid_art=8895&id_area=168&id_sarea=177&mac=4

Una nuova forma di partecipazione

Accingersi ad una rilettura di alcuni concetti di filosofia classica filosofia applicata alla pratica della vita e del lavoro può aiutare a sospendere il giudizio, ad espandere e approfondire la capacità di comprendere la realtà, può farci ripensare e rivedere quelle che sono le nostre idee "originarie", alimentare la consapevolezza ed evocare nuove responsabilità in quello che facciamo. Ripensare il senso della politica, recuperare l’accezione originale ed il coordinamento complessivo delle regole.

La filosofia applicata si rivolge, attualmente, con mirabili strategie di innovazione, al mondo del lavoro, della scuola, delle istituzioni, agli studiosi della creatività e della salute, creando un fertile connubio tra scienza, arte e umanesimo. Etimologicamente “il significante filosofia significa amico della sapienza”. La filosofia è anche pratica dialogica. Afferma il Prof. Bellino: “Strategico è il ruolo dei mass media nella diffusione di una nuova cultura del pensare e dell’agire.

Abbassare il livello della tensione e dell’aggressività nelle organizzazioni attraverso il dialogo, la riflessione, l'approccio filosofico, può contribuire in modo sostanziale ad accrescere la dimensione etica nelle pratiche di tutti i giorni. Etica intesa come possibilità di contribuire con energie vitali per auto-affermarsi positivamente come individuo. Il che porta a prefigurare una nuova forma di partecipazione che parte dalla "pausa”, dalla riflessione e solo in seguito si traduce in azione.

Un’organizzazione sorretta da riscontri concreti, non può prescindere da una Visione del mondo in cui si accetta che c'è qualcosa nell'ambiente che merita capire per vivere meglio. Al tempo stesso occorre riconoscere che esistono ambiti in cui la persona è richiamata allo scopo di ciò che fa e conosce. Tutto ciò può essere fondamento per comprendere, adattarsi all'ambiente e conferirgli senso: vale a dire donare valore alla propria vita”. Abbiamo tutti bisogno di prendere le distanze dalle pressioni quotidiane che ci derivano dagli obiettivi da raggiungere a ogni costo: un “free space”, uno “spazio libero”, in questo senso, è uno spazio per “riflettere prima di agire”, un luogo per distanziarci temporaneamente dalle pressioni strategiche e operative.

 

 

 

 

Immagine: Ricerca tramite immagine di Donato Forenza la “Giornata Mondiale della Filosofia.

Fonte:  goo.gl/Ru1FkV