Condividi la tua conoscenza.
Iscriviti e pubblica i tuoi articoli.
Iscriviti alla newsletter

Sembra facile…benvenuti nella complessità digitale!

L’ecosistema digitale è sempre più complesso ma per molte aziende questo fatto non è ancora evidente.

Gianluigi Zarantonello
  pubblicato il . 1540 lettori

L’ecosistema digitale è sempre più complesso ma per molte aziende questo fatto non è ancora evidente.
I social media e l’evoluzione tecnologica degli strumenti digitali, che vengono abbastanza da lontano, hanno infatti dato una percezione di semplificazione rispetto alla realtà: mezzi gratuiti o poco costosi, simili a quelli che usiamo già come utenti privati e con basso profilo di rischio.

Un esempio di complessità: i frattali

Come sappiamo anche solo limitandoci a una visione superficiale non è così perché, ad esempio, il fatto che gli utenti siano perfino più esperti dei loro interlocutori aziendali e accedano alla pari agli stessi mezzi crea più di qualche grattacapo nel momento in cui vogliono essere ascoltati e dialogare.

Proviamo però ad andare anche oltre a questi temi, piuttosto assodati anche se totalmente ignorati da larga parte di chi si occupa di digitale in azienda, per spingerci più avanti.

Ecco alcune questioni che i CMO (o i Chief Marketing Technologist?) dovranno presto affrontare:

a) Skills tecnologiche: saranno sempre più richieste anche se non in chiave di puro tecnicismo quanto in termini di visione strategica e di comprensione degli strumenti. Non possiamo essere meno competenti sui mezzi rispetto al pubblico target. E la strategia è un’altra cosa rispetto a saperci smanettare.

b) Capacità di ragionare in ottica multicanale: mentre in molte realtà si fa ancora fatica ad adattare la propria comunicazione tradizione al web il mondo va sempre più nella direzione di una ipertestualità diffusa e di una multicanalità in cui i nativi digitali si aspettano un’esperienza coerente in tutti i canali digitali e fisici. Una bella sfida, sopratutto sul piano dei contenuti.

c) Capacità di bilanciare paid, earned e owned media: il panorama degli strumenti è reso ancora più complicato dal fatto che alcuni sono sotto il nostro pieno controllo e altri molto meno. E’ il dilemma di cui ho parlato ad esempio qui, e che non va dimenticato nella costruzione delle basi della nostra digital strategy.

d) Corretto uso di tutti i dati per comprendere le opportunità di business e modificare i propri modelli: è il tema del big data, rispetto al quale la capacità di sfruttare la (fin troppo?) ampia quantità di informazioni disponibili sarà cruciale.

e) Coraggio di cambiare: cambiare l’organizzazione interna, cambiare i modelli di business, cambiare mentalità e vincere il timore di esporsi e dialogare, dato che ormai non è più possibile farne a meno.

Non mi sembra uno scenario così semplice, no? :-)

Secondo la vostra esperienza stiamo maturando queste consapevolezze in Italia o siamo ancora indietro?

Gianluigi Zarantonello via Internetmanagerblog.com

Gianluigi Zarantonello
Pubblicato da
Digital Marketing Manager in Gruppo Coin Spa —

Per contattare questo autore devi esser registrato su comunitazione.it
stampa versione stampabile |

 


I nostri autori

Salvatore Pipero
Luca Oliverio
Laura Podda
Paolo Arfelli
Patrizia Binaschi
Claudio Capovilla
Gianluigi Zarantonello
Jim Adams
Elena Giffoni
Maria Rosaria Polo
Roberto Marsicano
Arianna Vassallo
Giulio Gargiullo
dudet robert
Farmina Pet Foods
marco marozzi
enrico beda
Fabio Bax
fondazione accenture
Fabio Fiori
Enrico Beda
stephan roccamo
paolo carta
Francesca Pavesi
Federica Farinelli
Alessandro Prunesti
Giovanni Tornabene
alessia de leonardis
Massimo Giuliano
Stefano Mc Vey
Daria Raiti
Accademia Togliani
AndEventi Comunicare è arte
Silvia Manildo
giulia grondona
Marta  Biffi

Job Board

Cernuto Pizzigoni & Partners
cerca Art director Digital
inserita il 20/01/2015 19:09:22
Posytron Engineering s.r.l.
cerca Programmatore Java/WEB
inserita il 12/11/2010 15:45:28
Puoi farlo seguendo queste semplici istruzioni

Top Articles

Irène Némirovsky rivela l'emotività più biografiche con 'Una pedina sulla scacchiera'

Paolo Arfelli| 01/07/2015 | 239 | 1

L'universo letterario di una scrittrice, attraverso l'analisi dei suoi romanzi.

Fare innovazione non vuol dire solo inventare…

Gianluigi Zarantonello| 30/06/2015 | 296 | 1

John Sculley parla di innovazione dicendo che “genio vuol dire anche avere prospettiva nel momento giusto”. Ossia non inventare per forza qualcosa di nuovo ma intuire la le potenzialità di quello che ci circonda e...

Smartwatch: un intero "mondo" a portata di polso

Luca Oliverio| 23/06/2015 | 556 | 1

Tra due giorni arriverà lo smartwatch apple sul mercato anche in Italia (26/6/2015). Ma come sta andando l'ormai "anziano" Android?

La collaborazione non si fa con i software (che aiutano però!)

Gianluigi Zarantonello| 23/06/2015 | 461 | 1

Ci sono alcuni argomenti che rischiano di cadere nei luoghi comuni e nella retorica appena si nominano, e uno di questi è la collaborazione...

La verità è che tutto è molto indietro.

Salvatore Pipero| 22/06/2015 | 598 | 1

“Il nichilismo oggi è il substrato ideologico di un contenuto tecnologico ed economico, che si dà per se stesso; o pretende di darsi per se stesso”.

I video su Facebook: una nuova prova che una strategia vincente non guarda solo al canale

Gianluigi Zarantonello| 15/06/2015 | 793 | 1

Questo post prende spunto da un articolo dedicato al sorpasso di Facebook su YouTube in termini di visualizzazioni di video (su desktop)...

Condividi la tua conoscenza. Iscriviti e pubblica i tuoi articoli, i tuoi comunicati e i tuoi annunici di lavoro
  • Verticali
  • Approfondimenti
  • Scuole e Università
  • Rubriche
  • News
  • Strumenti
Privacy policy | >I testi rimangono proprietà intellettuale e artistica dei rispettivi autori, tutelati dalle norme sul copyright ©
tutti i diritti di comunitàzione.it sono riservati © Luca Oliverio - LVRLuca - febbraio 2002
online dal 23 febbraio 2002 | su server di ehiweb | Terms of Service and Privacy Policy . | Disclaimer | Commerce Policy | | Cookies Policy |