Trueid_art=6714&id_area=147&mac=2

Un'amenistra riscaldata

Mi sarei aspettato anche solo un video chiarificatore sulla sua infelice uscita a Ballarò dell’11 gennaio scorso. E invece no: da ex studente, laureato e appassionato di Scienze della Comunicazione mi son dovuto “accontentare” delle tante voci che da più parti sul web si sono levate a sostegno del corso di laurea più ameno che c’è (Giovanni Boccia Artieri e Jacopo Pasquini ne hanno fatto due ottime rassegne, comunque aggiornabili in ogni momento attraverso i commenti).

Eppure, su youtube.com/user/mariastellagelmini, si legge che “Ho deciso di aprire un canale su YouTube perché intendo confrontarmi con voi sulla scuola e sull’UNIVERSITÀ. Voglio accogliere idee, progetti, proposte, anche critiche” (maiuscolo mio). Peccato che, dal 6 maggio 2008, su 18 video caricati solo DUE riguardano il mondo accademico e la ricerca, di cui uno relativo a un “Seminario su governance, valutazione e reclutamento”, datato 07 aprile 2009 e commentato positivamente solo da 12 utenti (ad oggi i commenti sono 553). Un altro è invece il più recente e cliccato invito a non farsi “strumentalizzare dai baroni e dai centri sociali” (5874 commenti pieni zeppi di insulti e proteste).

Il 31 gennaio, poi, è comparso per il terzo anno consecutivo l’elenco delle materie scelte per la seconda prova della maturità. Poco più di un minuto per una mera lista di discipline e nessuna traccia di risposta, dunque, a quanti si sono visti infangare con una battuta il proprio titolo di studio o quanto stanno studiando con impegno e passione.

Del resto, da un Ministro che non conosce neanche l’esatta denominazione di un corso di laurea – a Floris ha parlato di scienze delle comunicazioni – non c’è da aspettarsi granché; tuttavia il vero dramma, secondo me, sta nel fatto che a farle compagnia ci sono spesso e volentieri tante altre personalità che di comunicazione dovrebbero saperne qualcosa.

Basta inserire su Google le chiavi di ricerca “scienze delle comunicazioni” e scienza delle comunicazioni” per avere la cartina di tornasole della reputazione di cui “il nostro” gode sia presso gli addetti ai lavori – si guardi con attenzione, ad esempio, al programma del convegno Broadcast Broadband Browsing organizzato lo scorso lunedì a Milano dal PD – sia presso l’opinione pubblica.

Ora, a me sembra proprio che la comunicazione intesa come pratica sociale ad ampio raggio sia totalmente sconosciuta da chi parla di scienza/e delle comunicazioni, come a far intendere che si possano studiare le trasmissioni di informazioni tra gli esseri umani (lo hanno fatto Shannon e Weaver, ma nel 1948!). Ben altra cosa è quell’attività di negoziazione dei significati, di tipo cognitivo-ermeneutica, condivisa dalla società; un processo di costante scambio simbolico, che può essere studiato con il supporto di scienze umane quali la linguistica, la semiotica, la psicologia, la sociologia. Perché queste discipline?

Perché hanno elaborato – grazie a studi e ricerche tuttora in corso presso i dipartimenti di molte università – teorie e modelli interpretativi, ma anche metodologie e tecniche analitiche, che consentono di comprendere e approfondire scientificamente le dinamiche comunicative all'interno di una comunità di persone, le condizioni in cui si svolgono, le relazioni con le altre sferedella società (l'economia, la politica, la cultura, i media).

Senza dubbio Scienze della Comunicazione presenta oggi molte criticità – che tuttavia non sono molto diverse da quelle che affliggono decine di altri corsi di laurea – ma un Ministro che non si fa neanche garante imparziale di tutta la formazione universitaria pubblica approvata e finanziata dal suo dicastero è semplicemente un incompetente.

Tag dell'articolo ricavati in automatico: youtube | comunicazione |

La nostra community

    Luca Oliverio
    Gianluigi Zarantonello
    Salvatore Pipero
    adolfo tasinato
    Paolo Arfelli
    Claudio Capovilla
    IQUII srl
    Francesca Sanguineti
    Jerome Sicard
    Emanuele Tolomei
    Roberto Marsicano
    Fabio Fiori
    Alessandro Prunesti
    alessia de leonardis
    pasquale romano
    Luigi De Luca
    Eidos Communication
    Michele Schisa
    Alessandro Mirri
    Roberta Fabiani
    Michele Rinaldi
    Simona Ibba
    Riccarda Patelli Linari
    Nona Stanciu
    Fabrizio Senici
    daniele vinci
    Alessandra Campanile
    Elena Ianeselli
    Luciano Saltarelli
    Anna Torcoletti
    Sara Caminati
    Nicola Ferrari
    Maresa Baur
    Alt Design Web Agency
    Giovanni Ciardulli
    Giovanni Cappellotto

I nostri autori

Job Board

Cernuto Pizzigoni & Partners
cerca Art director Digital
inserita il 20/01/2015 19:09:22
Posytron Engineering s.r.l.
cerca Programmatore Java/WEB
inserita il 12/11/2010 15:45:28
Puoi farlo seguendo queste semplici istruzioni

Latest Posts