Condividi la tua conoscenza. Iscriviti e pubblica i tuoi articoli, i tuoi comunicati e i tuoi annunci di lavoro

Iscriviti alla newsletter

Dalla Campania un singolare appello: “Mandateci i vostri rifiuti!”

Comunicato stampa

5316
lettori
pubblicato da redazione di comunitāzione, il 27/05/2008 |
redazione di comunitāzione
redazione di comunitāzione
Profilo
Per contattare questo autore devi esser registrato su comunitazione.it


Dalla Campania un singolare appello: “Mandateci i vostri rifiuti!”

Comunicato stampa
Cava de'Tirreni (Sa) - 26/05/08

Dalla Campania un singolare appello: “Mandateci i vostri rifiuti!”
Parte da Salerno una provocatoria campagna pubblicitaria
per promuovere la mostra Creatives are Bad


Un sacchetto della spazzatura in bella mostra. Questo il singolare “testimonial” di una campagna pubblicitaria ideata dalla MTN Company, agenzia di comunicazione integrata di Cava de'Tirreni (Sa), per promuovere “Creatives are Bad! - Mostra sulla comunicazione rifiutata”.
Ancora più eloquente lo slogan “Accettiamo rifiuti da tutta Italia”.
Una frase tanto più provocatoria se si considera la provenienza dell'appello: la Campania vessata dall'odiosa emergenza rifiuti.

La parola rifiuto di per sé non evoca niente di buono. Una parola che, specie di questi tempi, puzza di indesiderato e di scomodo. Tuttavia, proprio dalla terra oggi infestata dai rifiuti, alcuni scarti prendono nuova vita.

Riciclaggio? Non proprio. Piuttosto, un'occasione per riflettere sul perché di questa loro condizione. Interrogarsi sui motivi che hanno spinto qualcuno a farli diventare rifiuti. Nell'auspicio che ve ne siano sempre meno.

Ovviamente, non si parla di spazzatura. Piuttosto di lavori (opere sarebbe un po' presuntuoso). Lavori di comunicazione rifiutati dai clienti o censurati dopo la loro pubblicazione che, da due anni a questa parte, sono l'anima di “Creatives are bad! - Mostra sulla comunicazione rifiutata”.

E' proprio questo il concept di comunicazione sviluppato per presentare l'edizione 2008 della mostra.
Come sfondo del materiale pubblicitario e del nuovo sito web (http://www.creativesarebad.com) un'espressiva busta della spazzatura.
Una comunicazione provocatoria, impattante ed ironica per trattare un argomento scomodo: i rifiuti.

Immagine: http://www.flickr.com/photos/mtncompany/2524712438/


stampa versione stampabile
Pubblicato il 27/05/2008
da redazione di comunitāzione | tutti i suoi articoli


|

Tag dell'articolo ricavati in automatico: creatives are bad! | la comunicazione | creatives are bad | creatives |

 


I nostri autori

Luca Oliverio
Salvatore Pipero
Spinto Torino
Gianluigi Zarantonello
Maria Rosaria Polo
Claudia Panico
Paolo Arfelli
monia donati
Fotolia LLC
Silvia G. Imperiale
enrico beda
Laura Podda
Vito Madaio
marco marozzi
Diego Vigne
UFFICIO STAMPA KEY-STONE
Milena Montefiori
Greta Optimized
Lillo Presti
enrico beda
Giulio Gargiullo
Riccardo Ciulla
Valentina Mancini
Roberto Marsicano
AndEventi Comunicare č arte
Marta  Biffi
Fabio Fiori
Agostini Associati
Elena Leoni
jessica orlandino
jessica orlandino
Paolo Quaranta
cristina skarabot
Floriana Porta
Marcello Merlo
Massimo Giuliano

Job Board

inserita il 31/08/2012 16:07:40
inserita il 16/02/2012 10:54:00
Posytron Engineering s.r.l.
cerca Programmatore Java/WEB
inserita il 12/11/2010 15:45:28
Puoi farlo seguendo queste semplici istruzioni

Top Articles

80,9 milioni di euro investiti in meno in pubblicitā da gennaio a luglio.

redazione di comunitāzione| 18/09/2014 | 293 | 1

Il mercato degli investimenti pubblicitari a luglio 2014 chiude a -0,5% rispetto allo stesso mese del 2013,

Tu ad Amsterdam e io New York, diamoci il 5. Ci pensa KLM

Luca Oliverio| 18/09/2014 | 623 | 1

A fine agosto, Eigen Fabrikaat (DDB Group) ha installato due touch point video in New York e Amsterdam per promuovere la rotta tra le due cittā.

Avvicinare le banche ai clienti, l'esempio di Toronto-Dominion

Luca Oliverio| 15/09/2014 | 348 | 1

L’idea come si vede č semplice, diretta ma sopratutto concreta.

Un vaso vuoto non produce frutti: perché il mezzo e il contenuto non sono proprio la stessa cosa...

Gianluigi Zarantonello| 11/09/2014 | 304 | 1

Essere su di una tecnologia non vuol dire avere un beneficio se...

Facebook: la catena dei nostri libri preferiti determina una classifica precisa

Luca Oliverio| 09/09/2014 | 475 | 1

Quindi una persona scrive i titoli dei libri e rilancia la catena taggando nel proprio status altre dieci persone.

Condividi la tua conoscenza. Iscriviti e pubblica i tuoi articoli, i tuoi comunicati e i tuoi annunici di lavoro
  • Verticali
  • Approfondimenti
  • Scuole e Università
  • Rubriche
  • News
  • Strumenti
Privacy policy | >I testi rimangono proprietà intellettuale e artistica dei rispettivi autori, tutelati dalle norme sul copyright ©
tutti i diritti di comunitàzione.it sono riservati © Luca Oliverio - LVRLuca - febbraio 2002
online dal 23 febbraio 2002 | su server di ehiweb | Terms of Service and Privacy Policy . | Disclaimer | Commerce Policy