• Log In
  • Recupera la password
Trueid_art=2206&id_area=4&sarea=182&mac=2

Se dici parole. 16 parole.

Se dici parole. 16 parole.
Questa è una recensione di parte. Dalla mia parte. Bene o male bisogna promuoversi (c'entra anche la scuola). La deontologia impone di non parlarsi addosso. Rischierò di uscirne scorretto? "Io speriamo che me la cavo". Ecco, sono già in aula.
Ho scritto un libricino rivolto agli under 15. Sulle parole, più precisamente sulle parole doppie, cioè sugli omografi. 16 parole in tutto. L'editore Nicola Milano (del gruppo Cappelli editore, di Bologna) le ha inserite come Appendice nella Guida di italiano per la classe quinta. Una guida uscita da poco, scritta da Adelia Sarchi, che di queste guide ne ha già scritte quattro, una per ogni classe.Come sono fatte queste guide è spiegato editorialmente nelle due pagine che si aprono facendo clic sulla parola clic (a scelta).
Gli omografi sono: Berlina, Amare, Gelosia, Affetto, Grossa, Credenza, Bugia, Piano, Grana, Etichetta, Torto, Caro, Avanzata, Relazione, Riso, Mondo.
Non sono in ordine alfabetico perchè - come scrive l'alunno che queste parole le ha ricopiate sul suo quaderno quadrone - nella vita l'ordine alfabetico non esiste. Ed è meglio così.
Io di mestiere faccio il pubblicitario. Siccome sono un po' pignolo con le parole, dico: copywriter. Pronunciato senza cadenza anglosassone e spesso con una bella aggiunta di spiegazioni, perché sono davvero pochi quelli che sanno cosa diavolo sia un copywriter, soprattutto in zona provincia, di un profondo centro, versante adriatico. Non è grave.
Un giorno, che non è "quel giorno" che in genere dà inizio alle favole, m'è venuto di scrivere sulle parole doppie. Perché 16 parole? Perché mi faceva buon gioco con il titolo "Se dici parole", che così pure lui è doppio.
Gli omografi sono raccontati per voce di un alunno, che non parla solo di grammatica e di sintassi e di etimologie. C'è dell'altro, quasi fosse una storia che vale la pena ascoltare. Me lo auguro.
Fine della recensione. Parola molto omografa "il" o "la" fine. Facciamo che prevalga, qui, l'articolo determinativo singolare maschile. E (ora sei tu che parli) anche un «"alla" fine m'è piaciuto leggerli questi 16 omografi». Se dici così, mi fai davvero felice.
Massimo De Nardo

Massimo De Nardo è un copywriter. Ha scritto "Se dici parole - 16 parole", un mix di 16 omografi, tra grammatica e racconto. pensando agli under 15. Ora l'editore Nicola Milano, di Bologna (del gruppo Cappelli editore), ha inserito i suoi omografi come Appendice nella Guida di italiano per la quinta elementare (scritta da Adelia Sarchi). I particolari in Segnal'etica (il sito sui linguaggi della comunicazione curato da Massimo).

http://www.segnaletica.sinp.net

Tag dell'articolo ricavati in automatico: delia | bologna | recensione | copywriter | sinp |