...

comunicAzione (n°4)

Questa settimana comunicAzione presenta l’esperienza di C.D. , neo laureata in SdC che sta svolgendo uno stage presso la Federveneto API.

Come sei arrivata a quest'esperienza? Il tuo titolo di studio/gli studi che stai facendo hanno avuto una loro importanza nel reclutamento?
A rigore, questo che faccio dalla fine di Novembre è uno stage, ma parlo di lavoro perché m’impegna molto (5 giorni su 7, dalle 9 alle 18) e perché sono pagata.
Devo il posto ad un professore che, dopo avermi aiutato nella fase di ricerca pro tesi, mi ha segnalato come papabile a coprire le funzioni richieste dalla Federveneto API (di coordinamento fra le associazioni delle Piccole e Medie Imprese venete), che ora m’impiega.
Il mio datore di lavoro non cercava specificamente un laureato in Scienze della Comunicazione; è stato l'argomento della tesi che avevo appena dato (distretti industriali, settori economici tradizionali, "made in Italy" ecc) ad essere determinante.

Ci puoi descrivere sinteticamente la tua esperienza? Quanto è stato utile ciò che hai studiato per il lavoro e/o quanto viceversa è stata importante l'esperienza pratica dello stage/lavoro?
Ribadisco che sono una new entry e che, in quanto tale, non ho che un'idea parziale del lavoro.
Quello che faccio spazia dal rispondere al telefono, dall'inviare fax, all'andare a pagare bollette, al preparare caffè (le azioni-base della vita d'ufficio) al fare ricerche ad hoc (qualche giorno fa, per esempio, un imprenditore italo-belga interessato ad importare dal Veneto oggetti in vetro e perle ci ha contattato per una chiamiamola "analisi di settore") al redigere verbali d'assemblea, dal seguire la rassegna stampa allo studiare i risultati delle indagini socio-economiche che la Federveneto è chiamata a pilotare, al presenziare a conferenze attinenti etc.
Visto che la Federveneto dà in sub-affitto un paio di locali a dei ragazzi che hanno un centro studi specializzato in ricerche di mercato via web, collaboro anche con loro nella gestione del rapporto con le imprese-target.

Qual è il bilancio dell'esperienza?
Al momento sono soddisfatta; devo dire che molto dipende dall'ambiente e dalle persone con cui lavoro (giovani, disponibili, "modeste", attente alle mie esigenze), più che dalla tipologia d’incarichi che mi sono affidati.
Forse vorrei poter trattare di più alcuni dei temi che, dopo la laurea, non ho più avuto modo di considerare (marchio e marca d'impresa, per esempio).
L'Università ed, in particolare, gli ultimi 6-9 mesi di tesi mi hanno dato contenuti da pensare (e di cui parlare e scrivere) e forma mediante cui esprimerli, oltre che reti di contatti a cui appoggiarmi.

Che consigli ti senti di dare a chi deve intraprendere una simile esperienza?
Per chi ha la fortuna di andare all'Università, ribadisco l'importanza dello scegliere con attenzione l'argomento della tesi, dato che, secondo me, è proprio questo a contribuire a selezionare ulteriormente l'ambito possibile d'attività futura.
Penso che si possa sopperire alla mancanza di una lavoro ottimale tramite i molti-lavori decenti.
Con questo intendo dire che è da un sinergia di apparentemente piccole attività e collaborazioni transitorie che si possono arrivare ad impiegare al meglio il proprio tempo e le proprie presunte abilità, senza scordare che è indispensabile la formazione continua.
Poi esiste sempre la possibilità di tentare la strada dell'"in proprio", sfruttando magari fondi ed incentivi statali o regionali (penso in particolare alla legge 215/'92, rivolta all'imprenditoria femminile); il progetto è ancora molto vago, ma non escludo che, con la collaborazione di qualche professionista più navigato, qualcosa proverò a fare sul fronte dei servizi marketing all'impresa (e con un impiego chiaramente minimo di capitali ed esperienze di partenza).

Vai alle altre esperienze >>
Vuoi raccontare la tua esperienza? Scrivi al curatore della rubrica.

GIANLUIGI ZARANTONELLO

Tag dell'articolo ricavati in automatico: ricerche | stage | tesi | lavoro | comunicazione |

La nostra community

    Luca Oliverio
    Gianluigi Zarantonello
    Claudio Capovilla
    Salvatore Pipero
    adolfo tasinato
    Paolo Arfelli
    IQUII srl
    Francesca Sanguineti
    Jerome Sicard
    Emanuele Tolomei
    Roberto Marsicano
    Fabio Fiori
    Alessandro Prunesti
    alessia de leonardis
    pasquale romano
    Luigi De Luca
    Eidos Communication
    Michele Schisa
    Alessandro Mirri
    Roberta Fabiani
    Michele Rinaldi
    Simona Ibba
    Riccarda Patelli Linari
    Nona Stanciu
    Fabrizio Senici
    daniele vinci
    Alessandra Campanile
    Elena Ianeselli
    Luciano Saltarelli
    Anna Torcoletti
    Sara Caminati
    Nicola Ferrari
    Maresa Baur
    Alt Design Web Agency
    Giovanni Ciardulli
    Giovanni Cappellotto

I nostri autori

Job Board

Cernuto Pizzigoni & Partners
cerca Art director Digital
inserita il 20/01/2015 19:09:22
Posytron Engineering s.r.l.
cerca Programmatore Java/WEB
inserita il 12/11/2010 15:45:28
Puoi farlo seguendo queste semplici istruzioni

Latest Posts