• Log In
  • Recupera la password

L'intelligenza Emotiva...

Oggi ho incontrato il dott. Andrea Magnani,
titolare dell'idea "ranocchi e principi"
di cui vi segnalo anche il sito
www.ranocchieprincipi.it

Dott. Magnani, buongiorno e benvenuto anche a lei su comunitàzione.it. Perchè un progetto sull'intelligenza emotiva?

Oggi più che mai è necessario riscoprire la ‘ragione delle emozioni’, altrimenti ci si trova a fallire le relazioni di coppia, ci si trova impotenti di fronte ai cambiamenti che il mondo di oggi impone, ci si trova a fare la guerra senza sapere il vero perché.

Tutti naturalmente vivono  emozioni ma senza esserne intelligenti, perciò è un viverle passivamente, spesso attraverso ciò che passa il convento televisivo

Come mai, secondo il suo punto di vista, si parla poco di questi temi in Italia?

Credo che sia dovuto all’impianto razionalistico della nostra cultura.   A scuola ad esempio è fondamentale imparare tante informazioni e per i genitori è una gioia vedere i quaderni pieni del figlio, perché ciò significa che impara tante cose.   Non faceva parte del curriculum di insegnamento che abbiamo ricevuto il saper esprimere le emozioni in modo costruttivo, il saper negoziare, il sapersi motivare.  Perciò, anche se tutti nella vita sappiamo che sono abilità fondamentali per il benessere, diamo per scontato che non si debba fare nulla per arricchirle.

L'obbiettivo del suo progetto è "Più che curare il disagio, preferiamo stimolare l'agio". Quali sono le metodologie e i paradigmi di riferimento, se così li vogliamo chiamare?

Il modello teorico di fondo è quello di Goleman, l’autore che ha portato a livello di best seller l’idea dell’Intelligenza Emotiva. Per realizzare queste abilità io e i miei collaboratori abbiamo raccolto e sviluppato tutta una serie di attività pratiche che si possono svolgere a tutte le età. Si tratta sostanzialmente di giochi attraverso i quali si  impara divertendosi.

Ad esempio organizziamo campi estivi in cui gruppi di 15 bambini svolgono queste attività per un periodo di una o due settimane. E parallelamente imparano a realizzare un cortometraggio per documentare ciò che hanno imparato. Un’esperienza veramente divertente anche per noi!

E dottor Magnani, mi scusi, ma quando una comunicazione è efficace?

La comunicazione è efficace quando ottieni ciò che desideri. Non è importante l’intenzione, la motivazione o il fatto che l’hai fatto mille volte, se non hai ottenuto ciò che desideravi la comunicazione è stata inefficace e devi cambiarla.

L'intelligenza emotiva è una delle sette intelligenze rintracciate da H. Gardner . Goleman scrive espressamente dell'Intelligenza Emotiva. Come usiamo questa intelligenza e come viene stimolata per migliorare i rapporti genitori-figli?

La relazione genitore-figlio, in qualsiasi fase della crescita è una relazione fondamentale dal punto di vista affettivo.Si potrebbe dire che si dovrebbe lasciare che le cose seguissero il loro corso naturale, eppure l’educazione in famiglia è condizionata da mille preconcetti, paure, ansie e sensi di colpa che rischiano di incrementare le tensioni e le difficoltà.

Ad esempio oggi il modello dominante in italia è quello del ragazzino (o della ragazzina) che non segue nessuna regola e non riesce mai a crescere veramente e diventare adulto.

Lo sviluppo dell’intelligenza emotiva aiuterebbe a portare un po’ di ordine in ciò che il buon senso comune ha confuso.

Prima di lasciarla, dove possiamo trovare informazioni al riguardo?

Abbiamo creato un sito che ha lo scopo di concentrare le più aggiornate conoscenze su questo argomento mettendole a disposizione gratuitamente. Abbiamo anche voluto creare un punto di incontro virtuale (un forum) per i genitori. L’indirizzo è www.ranocchieprincipi.it

Andrea, la ringrazio
e invito gli utenti di comunitàzione
a lasciare qui i loro pensieri
e le loro domande
per arricchire il dibattito.

Tag dell'articolo ricavati in automatico: comunitàzione | goleman | emozioni | Andrea | intelligenza emotiva |