Trueid_area=4&id_art=7243

Il brand che parla da solo

Partiamo dalla definizione che Wikipedia da al termine community:

"Una comunità virtuale o comunità online è una comunità di persone interessate ad un determinato argomento comune che comunicano attraverso internet. [...]Organizzare una comunità virtuale significa dar voce ai suoi membri, quindi offrire gli strumenti idonei a permettere  loro di formulare pareri, valutazioni, scambiare opinioni in maniera libera, anche a discapito del brand sotto cui si radunano."

Ho  provato a scomporre questa definizione e mi sono accorto che basta seguirla alla lettera per cercare di trasformare una semplice pagina Facebook aziendale in una vera e propria community attorno al brand.

"Dar voce ai suoi membri":  Troppo spesso si notano fan page aziendali in cui l'unico argomento tremendamente ridondante è il tal prodotto, il tal evento, il tal concorso, insomma è il brand sempre e comunque. Sarà un caso, o forse no, ma prorpio queste sono le fan page con la minor percentuale di commenti e condivisioni tra gli utenti. 

"Offrire  gli strumenti idonei  a permettere loro di forumulare pareri":  saper trovare dei contenuti interessanti e saperli collegare con intelligenza al proprio posizionamento di marketing non è semplice ma è cruciale per il successo o il fallimento di una community online. Offrire gli strumenti significa proprio suggerire dei contenuti e proporre attività che consentano un reale engagement.

"scambiare opinioni in maniera libera": quando un utente scrive una critica sulla vostra pagina aziendale e voi cancellate questo commento quasi certamente lui andrà a scriverla su tutti i forum possibili immaginabili iniziando una vera e propria crociata contro la vostra censura. E' bene ricordare che aprire un canale di dialogo con le persone attraverso i social media significa adottare un attegiamento di predisposizione al confronto e alle critiche.

Probabilmente tutto questo potrà sembrare banale e scontato a molti di voi ma la realtà dei fatti è che basta guardarsi attorno per capire come esistano ancora oggi molti brand che parlano da soli perchè non hanno capito che se utilizzano i propri canali social per parlare solo di se stessi, qualsiasi fan seppur volenteroso ed affezionato si stancherà presto di seguirli. Quindi come sempre il problema non è tanto raggiungere un elevato numero di "Mi Piace" ma fare in modo che una percentuale sempre maggiore di questi utenti-fan ineragisca con il brand e con gli altri utenti dando vita ad una community virtuale nella forma ma reale nella sostanza.

Michele Rinaldi via http://mktgcafe.blogspot.com/

La nostra community

    Luca Oliverio
    Claudio Capovilla
    Salvatore Pipero
    Paolo Arfelli
    IQUII srl
    Francesca Sanguineti
    Gianluigi Zarantonello
    Jerome Sicard
    Emanuele Tolomei
    Roberto Marsicano
    Fabio Fiori
    Alessandro Prunesti
    alessia de leonardis
    pasquale romano
    Luigi De Luca
    Eidos Communication
    Michele Schisa
    Alessandro Mirri
    Roberta Fabiani
    Michele Rinaldi
    Simona Ibba
    Riccarda Patelli Linari
    Nona Stanciu
    Fabrizio Senici
    daniele vinci
    Alessandra Campanile
    Elena Ianeselli
    Luciano Saltarelli
    Anna Torcoletti
    Sara Caminati
    Nicola Ferrari
    Maresa Baur
    Alt Design Web Agency
    Giovanni Ciardulli
    Giovanni Cappellotto
    Ateneo Impresa

I nostri autori

Job Board

Cernuto Pizzigoni & Partners
cerca Art director Digital
inserita il 20/01/2015 19:09:22
Posytron Engineering s.r.l.
cerca Programmatore Java/WEB
inserita il 12/11/2010 15:45:28
Puoi farlo seguendo queste semplici istruzioni

Latest Posts