ctablog, il logo
Area Riservata

Recupera i tuoi dati

iscriviti
username
password leggi le news sul mondo del Mkt e della comunicazione
ricordami

 
Studio non Profit Studio non Profit | altri suoi testi nel blog
Seminari Base ed avanzato sul funzionamento e gestione di un'Organizzazione non Profit

Studio Non Profit (SNP) è un’associazione nata per sostenere e promuovere la crescita e lo sviluppo del terzo settore, principale risorsa del welfare in Italia. Il suo obiettivo è rendere le organizzazioni, gli operatori e i volontari attori protagonisti e consapevoli. A tale scopo offre formazione e consulenza qualificate a tutti coloro i quali intendano acquisire competenze e conoscenze specifiche sul non profit e sul suo funzionamento.

 

Studio Non Profit terrà, nel mese di Ottobre a Roma, due interessanti Seminari.

 

Seminario base, rivolto a chi intende costituire o ha da poco costituito un'organizzazione non profit. Il seminario ha una durata complessiva di 10 ore (due giornate) durante le quali si affronteranno gli elementi di base per la costituzione e la gestione di una organizzazione non profit: le forme organizzative degli enti non profit e la scelta più idonea; gli aspetti amministrative e fiscali; come gestire le relazioni interne all’organizzazione; la programmazione delle attività.

Quando e Dove

Si svolgerà venerdì 19 ottobre 2012 (dalle 16.00 alle 20.00) e sabato 20 ottobre 2012 (dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00), a Roma in Via Michelotti, 33 (Metro B, fermata PIETRALATA)

La partecipazione al seminario ha un costo di 121,00 euro a persona (IVA inclusa).

 

Seminario avanzato, rivolto a chi dirige e/o gestisce un’organizzazione non profit e vorrebbe acquisire conoscenze e competenze maggiori per riuscire al meglio nel raggiungimento dei propri obiettivi.

Un accenno alle tematiche che si affronteranno: le forme organizzative degli enti non profit in relazione ad obiettivi e attività; la trasparenza rendicontativa; la struttura del bilancio sociale, la trasparenza, l'efficacia nella gestione delle relazioni con gli stakeholders; le relazioni interne.

Quando e Dove

Il seminario,della durata complessiva di 10 ore, si svolgerà venerdì 26 ottobre 2012 (dalle 16.00 alle 20.00) e sabato 27 ottobre 2012 (dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00), a Roma in Via Michelotti, 33 (Metro B, fermata PIETRALATA).

La partecipazione al seminario ha un costo di 121,00 euro a persona (IVA inclusa).

 

Contatti e Informazioni

Tel. 3403337699

E-mail studiononprofit@gmail.com

www.studiononprofit.it


VIA: Studio Non Profit



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Studio non Profit Studio non Profit - pubblicato il 15/10/2012 - permalink
non profit; seminari; Roma Ottobre 2012


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Andrea Mazzeo | altri suoi testi nel blog

I criteri per il search engine marketing partono spesso dagli stessi presupposti: locazione geografica, parametri demografici, eventuali interessi estraibili dalla piattaforma di destinazione.

E’ proprio il luogo in cui avviene la pubblicazione degli annunci a rappresentare il valore aggiunto. Pensiamo a Facebook, in particolare. Gli oltre seicento milioni utenti  iscritti al social network generano un continuo flusso di contenuto utile non solo all’analisi del mercato, ma anche alla targetizzazione diretta.

Facebook Ads utilizza inoltre un algoritmo in tempo reale che incrocia le conversazioni che avvengono sul social network con il parco di annunci disponibili tra quelli pubblicati dagli inserzionisti. Gli aggiornamenti di stato, comunemente chiamati status, in particolare costituiscono la materia prima di una nuova espressione, sempre più mirata, della pubblicità online.

Sebbene poco trattato ancora in ambito SEM, Facebook si inserisce pertanto a pieno regime in questo ambito di comunicazione consentendo di entrare in contatto con un pubblico variegato.

Come funziona?

Facebook Ads
Nelle sperimentazioni che abbiamo condotto abbiamo isolato alcuni pensieri nei nostri status di Facebook. Ecco che, subito dopo la pubblicazione, sono comparsi nella colonna laterale alcuni link interessanti. Si tratta di link sponsorizzati, decisamente pertinenti e, in alcuni casi, di pagine (le vecchie fan, per capirci). Le associazioni non solo sono di pertinenza esatta, ma anche di compensazione (ad. es il vino legato al cannolo). Inoltre gli annunci correlati vanno a coprire la più ampia gamma di collegamenti mentali possibili: esemplificativa è l’immagine relativa allo status che tratta mal di testa e birra.

L’algoritmo di Facebook rileva dunque le keyword contenute negli status collegandole in tempo reale alle pagine e alle inserzioni a pagamento più pertinenti. Un sistema di inserzioni correlate che rende simile il social network di Zuckerberg ai tradizionali motori di ricerca.

Il Search Engine Marketing ha successo perché va incontro alla richiesta dell’utente che, nella query digitata sul motore di ricerca, esprime la propria richiesta. L’automatismo di Facebook però fa un passo in più, esplicita la richiesta. Espressa sotto forma di un pensiero personale lo status condiviso in un social network esprime un desiderio sebbene non precisamente strutturato e talvolta non cosciente. Pone immediatamente chi scrive, ma anche chi legge, all’interno di un contesto mentale adatto a recepire stimoli commerciali e non collegati all’universo che contiene quel dato concetto. Un concetto che da semplice dialogo quotidiano diventa keyword rilevante per gli operatori del marketing.

Indagare le parole chiave
Dai nostri esperimenti risulta che è la componente conversazionale a generare i migliori risultati. Più uno status è commentato e frequentato – e dunque visibile da più persone dalla bacheca principale di Facebook -  più la selezione di annunci correlati si fa pertinente.

Naturalmente i suggerimenti di pagine e link sponsorizzati si basano anche sulle caratteristiche di utilizzo del mezzo: compilazione del profilo e dati ad esso legato (oltre a quelli demografici, anche gli interessi), storico delle attività e dei link pubblicati, estrazione sociale degli amici più attivi.

La pertinenza delle segnalazione è data, oltre che da questi fattori, anche dalla disponibilità degli annunci e delle pagine. E’ chiaro che il fisiologico incremento degli inserzionisti produrrà una maggior qualità nella capacità di incrociare necessità presunte con brand e tematiche sempre più inerenti.


VIA: Bancomail Blog



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Andrea Mazzeo - pubblicato il 04/07/2011 - permalink
bancomail email marketing web marketing seo sem facebook search ads advert online


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Anna Torcoletti | altri suoi testi nel blog
Cpo e l'opportunità di confrontarsi con alcune delle personalità più attive della blogosfera e non solo

A qualche settimana dall'avvio dei corsi del primo anno  Cpo (corso di laurea specialistica di Comunicazione e Pubblictà per le organizzazioni, con sede a Pesaro) abbiamo già diverse proposte che ci accendono particolarmente! :-)

Infatti, all'interno del modulo Comunicazione pubblicitaria e linguaggi mediali, sono stati organizzati 3 incontri imperdibili:

Il 26 Novembre 2007: Alex Brunori (Art Director JWT), titolo dell'intervento: The sky was a limit. L'advertising per un mondo che cambia velocemente.

Il 28 Novebre 2007: Luca Conti (Conversational media Consultant), introduzione al web 2.0 e buzz marketing.

Il 5 Dicembre 2007: NinjaMarketing.

Personalmente sono molto felice ed incuriosita da questi seminari e poi avrò l'occasione di associare un volto ad alcuni dei miei feed lampeggianti! ;-)

 

 


VIA: facebook



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Anna Torcoletti - pubblicato il 21/11/2007 - permalink
seminari. pesaro cpo ninjamarketing brunori conti web 2.0 linguaggi media


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Alex Badalic | altri suoi testi nel blog
mdpstudio.it annuncia un convegno riservato alle PMI un evento che il titolare, Marco Dal Pozzo ha definito

mdplab.it

Marco è una conoscenza della primavera scorsa, quando ha partecipato con il suo mdplab.it ai Marketing Blog Playoffs 2007.

Marketing Blog Playoffs 2007

Ora Marco ha creato un suo gruppo di discussione su Facebook, nel quale tratta della necessità di creare nel pubblico una migliore conoscenza dei meccanismi di Internet.

L'assioma incontestabile dal quale parte è che, in un paese tecnologicamente arretrato come il nostro, molti, specialmente in realtà locali decentrate come può essere il posto dove lui vive e lavora, Guardiagrele in provincia di Chieti, si rendono conto che un sito Web potrebbe servire, ma non vanno oltre all'idea della vetrina interattiva.

Noi che conosciamo non solo le problematiche legate all'estetica e alla fruizione di un sito, ma soprattutto quelle del renderlo visibile sui motori di ricerca con l'uso delle tecniche SEM/SEO, sappiamo bene che un sito è inutile se gli utenti devono cercarlo.

Un sito Internet non deve farsi cercare, deve essere trovato.

La disposizione delle chiavi di ricerca nel testo, l'uso dei meta-tag, delle descrizioni delle immagini e di molto altro ancora, sono fattori che devono essere coerenti per permettere al sito di salire nelle prime posizioni, perché nessuno cerca qualcosa oltre alla terza pagina di Google, e spesso non va oltre alla prima, sono troppi i siti per ciascuna categoria.

Ora, generalmente, l'ottimizzazione e il posizionamento sono fattori che solo le grandi aziende affrontano abitualmente, sia perché sono più addentro ella cultura di impresa, sia perché questi servizi sono percepiti dai più come molto costosi e totalmente accessori.

Queste sono considerazioni totalmente sbagliate.

Un sito Internet non ha nessuna utilità se non è visibile. Non serve ad attirare visitatori, e non accresce il fatturato di alcuna azienda se non è conosciuto. Così come ogni imprenditore sa che deve fare pubblicità alla sua impresa, anche un sito Internet deve essere pubblicizzato. Come? Posizionandolo.

La pubblicità tradizionale di una impresa si fa sulla stampa locale e con le affissioni, ma Internet va molto oltre le realtà locali. L'imprenditore di Guardiagrele, in rete, non deve più confrontarsi solo con la sua concorrenza diretta. Su Google c'è il mondo intero.

E se li primo dei filtri di ricerca è la lingua, per cui in Italia verranno mostrati prima i siti italiani, il nostro imprenditore dovrà fare comunque breccia nella barriera dei suoi concorrenti di Milano o di Roma, troppo distanti per i suoi clienti, ma che occupano comunque lo spazio che serve a lui.

In realtà, il lavoro non è ne difficile ne complicato, ma richiede comunque procedure lunghe e una certa esperienza da parte di chi programma il sito.

E i costi? I costi reali, se consideriamo che quelli medi di un sito vanno dai 1.000 ai 3.000 Euro, non superano il 50% di quelle cifre. Nei casi più complessi, quando il sito fa anche e-commerce o quando la concorrenza è molto forte, si arriva a pareggiare il costo del sito stesso, garantendo però un alto numero di viste, un costo contatto bassissimo e soprattutto, un altissimo tasso di "conversioni", ovvero la trasformazione del visitatore in utente che acquista.

Per diffondere questa conoscenza, e per garantire la sicurezza del servizio, Marco Dal Pozzo ha ha in preparazione per il 7 luglio 2008, primo anniversario di attività della sua azienda, mdpstudio.it, un convegno riservato alla piccole e medie imprese che ha chiamato Web Marketing per Tutti!

Anche AAA Copywriter Pubblicità Varese di Alex Badalic ha aderito al progetto, per aiutare Marco Dal Pozzo a diffondere la cultura di Internet nella sua realtà locale e, perché no, per procurare un bel po' di clienti alla sua mdpstudio.it

Web Marketing per Tutti!

Web Marketing per Tutti!

Tutti hanno diritto ad una dignitosa finestra sul Web.


mdpstudio.it/></div></td>
</tr>
<tr>
<td width= 


VIA: NEWS & RIFLESSIONI



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Alex Badalic - pubblicato il 03/11/2007 - permalink
convegni eventi pmi sem/seo web marketing


Discussioni 0
Aggiungi un commento
L'agenda del creAttivo
I nostri autori sono:

Abbiamo parlato di:

Top five
RSS

Add to Technorati Favorites

 
 
 
Le nostre rubriche