ctablog, il logo
Area Riservata

Recupera i tuoi dati

iscriviti
username
password leggi le news sul mondo del Mkt e della comunicazione
ricordami

 
Fabio Fiori | altri suoi testi nel blog
Lo ha detto in una nota il segretario regionale Uil Dogane Lazio, Virgilio Tisba

Il disegno di legge che prevede l’etichettatura dei prodotti “Made in Italy” all’esame della X Commissione del Senato, se approvato prospetta sanzioni penali per il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio che essendo proposti all’accertamento omettono di eseguire i prescritti controlli. Lo ha detto in una nota il segretario regionale Uil Dogane Lazio, Virgilio Tisba che ha precisato come “con l’attuazione di questa legge – ha spiegato -  si rischierebbe di mettere in pericolo tutta l’economia che gira intorno ai porti e agli aeroporti italiani portando a ingolfare il sistema, senza dimenticare – ha aggiunto - che le imprese potrebbero modificare il proprio sistema logistico, trasferendo lo sdoganamento delle merci extracomunitarie in altri Paesi europei”.

Inoltre Tisba ha ricordato che “alla luce di tutto ciò, già a suo tempo, la Uil PA Agenzie Fiscali è intervenuta presso i parlamentari della Commissione preposta affinché venisse presentato un emendamento in questo senso”. In conclusione il segretario regionale ha reso noto che “a seguito del nostro intervento l’Agenzia delle Dogane sta intervenendo per la soluzione di questo grave problema”.


VIA: IM-IMPRESAMIA.COM



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Fabio Fiori - pubblicato il 23/02/2010 - permalink
MADE IN ITALY Dogane a rischio paralisi per etichette


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Salvatore Pipero | altri suoi testi nel blog
«la tutela del lavoro e della salute non solo contribuisce alla produttività, al rendimento e al benessere dei lavoratori, ma comporta anche risparmi per l'economia e l'intera società».

Il Parlamento sollecita una strategia europea per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro che attribuisca maggiore attenzione ai settori a rischio.

 
 Approvando con 598 voti favorevoli, 20 contrari e 23 astensioni la relazione di Glenis WILLMOTT (PSE, UK) sulla proposta della Commissione in merito a una strategia comunitaria 2007-2012 per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro, il Parlamento sottolinea anzitutto che «la tutela del lavoro e della salute non solo contribuisce alla produttività, al rendimento e al benessere dei lavoratori, ma comporta anche risparmi per l'economia e l'intera società».
 

 (…) Per i deputati è della massima importanza garantire una migliore applicazione degli attuali strumenti legislativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. A loro parere, le misure da prendere in considerazione dovrebbero comprendere requisiti minimi per la qualità dei servizi di prevenzione e di ispezione sul lavoro, sanzioni più severe, una migliore valutazione dell'attuazione della normativa, lo scambio delle migliori prassi, il rafforzamento della cultura della prevenzione e dei sistemi di allarme preventivo, un maggiore coinvolgimento dei lavoratori sul luogo di lavoro e il rafforzamento del ricorso ad accordi di dialogo sociale. La Commissione dovrebbe inoltre ricorrere più diffusamente alle procedure di infrazione.

 
 (…) I deputati riconoscono inoltre che la prevenzione «riveste un'importanza fondamentale» e invita quindi la Commissione ad attuare, nell'ambito della strategia, misure volte a garantire che i datori di lavoro riconoscano e si assumano le loro responsabilità prevedendo adeguati servizi di prevenzione in tutti i luoghi di lavoro. Occorre poi assicurare che le attività di prevenzione siano svolte per quanto possibile all'interno dell'impresa, garantire che il monitoraggio della salute vada di pari passo con la prevenzione e adattare sistematicamente al progresso tecnologico la legislazione relativa alla salute e alla sicurezza sul posto di lavoro.
 

 

 


VIA: L'ItaloEuropeo



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Salvatore Pipero - pubblicato il 16/01/2008 - permalink
Sicurezza sul lavoro rischio prevenzione rischio monitoraggio


Discussioni 0
Aggiungi un commento
L'agenda del creAttivo
I nostri autori sono:

Abbiamo parlato di:

Top five
RSS

Add to Technorati Favorites

 
 
 
Le nostre rubriche