ctablog, il logo
Area Riservata

Recupera i tuoi dati

iscriviti
username
password leggi le news sul mondo del Mkt e della comunicazione
ricordami

 
Fabio Fiori | altri suoi testi nel blog
"Il credito d'imposta per le imprese che investono all'estero è un passo ineludibile per la crescita del comparto agroalimentare e della sua competitività

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il provvedimento con cui si mette a disposizione delle imprese un credito d'imposta per i loro investimenti all'estero. Il credito d'imposta, previsto dal decreto 24 luglio 2009 per gli anni 2008 e 2009, è fissato nella misura del 50% del valore degli investimenti effettuati in eccedenza rispetto alla media degli analoghi investimenti realizzati nei tre periodi d'imposta precedenti.

"Il credito d'imposta per le imprese che investono all'estero è un passo ineludibile per la crescita del comparto agroalimentare e della sua competitività - ha commentato il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Luca Zaia - e per sostenere, insieme ai nostri grandi prodotti, una cultura del fare impresa che affonda le radici nella storia e nell'identità secolari dei territori".

La norma si riferisce ad investimenti quali attività promozionali, partecipazione a fiere e organizzazioni di eventi riguardanti il Made in Italy e prevede un limite di spesa annua a carico dello Stato pari a 40 milioni di euro per l'anno 2008 e 41 milioni per l'anno 2009.

Potranno accedere alla misura tutte le imprese agricole, zootecniche e della pesca e i Consorzi di tutela sulle denominazioni protette e sulle attestazioni di specificità. Entro il 5 febbraio prossimo, il Ministero renderà disponibile il modulo per presentare le richieste di accesso all'agevolazione. Il decreto è disponibile sul sito del Ministero www.politicheagricole.it, nelle sezioni "Normativa" e "Prodotti di qualità".


VIA: IM-IMPRESAMIA.COM



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Fabio Fiori - pubblicato il 27/01/2010 - permalink
imprese estero zaia credito imposta ue gazzetta ufficiale investimenti


Discussioni 0
Aggiungi un commento
redazione di comunitàzione | altri suoi testi nel blog
OfficeMax ovviamente.

 


VIA: NinjaMarketing



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

redazione di comunitàzione - pubblicato il 24/03/2009 09:00:00 - permalink
officemax post-it


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Alex Badalic | altri suoi testi nel blog
Il documentario sui principali produttori di motociclette di The AV Club online su Discovery Channel.

The AV Club

Nel post di presentazione di The AV Club ho scritto che l'anno scorso Andy Cochrane e i suoi amici di The AV Club hanno fatto mezzo giro del mondo in cinque settimane per realizzare un servizio sulle motociclette, e in Italia si sono fermati anche a Varese, ospiti di MV Agusta, a due passi da casa mia, ma che non siamo nemmeno riusciti ad incontraci a causa dei tempi strettissimi…

Twist The Trottle

In questo post di The AV Club Blog, ecco finalmente svelato il mistero. Si trattava di un servizio chiamato "Twist The Trottle" della serie TURBO di The Discovery Channel, che ora è online.

Se vi piacciono le moto, ne vale davvero la pena.

Approfitto dell'occasione per ricordare che The AV Club è media partner di Informatica Friuli, che ne distribuisce in Italia i divertentissimi video.


VIA: AAA Copywriter Pubblicità Varese - News & Riflessioni



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Alex Badalic - pubblicato il 17/03/2008 - permalink
informatica friuli media partner the av club the av club blog andy cochrane andy waruzewski direttore della fotografia dylan weiss video documentario alta definizione twist the trottle turbo the discovery channel post moto motociclette pr


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Renato Gelforte | altri suoi testi nel blog
perché spendere con la TV quando il mezzo ce l'hai in casa?

Lo scorso mese ero a Vicenza ad assistere al Mail Forum organizzato alla fiera "Imprinting" e tra i relatori e il pubblico, i funzionari delle Poste non mancavano.

Morale, il messaggio che ho recepito da Isabella Bisi responsabile commerciale di Poste Italiane è stato: con il Direct-Marketing si può fare di più visto che offre potenzialità inesplorate e visto che l'Italia è uno dei paesi che lo sfrutta poco e male. Si spende molto in TV e poco con canali alternativi. (ho postato alcune riflessioni il giorno dopo sul blog di MilanIN)

Sono curioso di sapere se le Poste abbiano usato il canale privilegiato che hanno in casa loro (la posta per l'appunto) per comunicare quello che vedremo nei nostri schermi i prossimi giorni.

Complimenti per la campagna televisiva firmata dal mio amico Casiraghi! Nulla da eccepire! è veramente bella! ma mi resta la curiosità di sapere se i responsabili marketing delle Poste Italiane abbiano pensato di usare anche il mezzo che dovrebbe essere loro più congeniale: la busta!

Per saperlo invito tutti coloro che hanno un conto in posta o hanno rapporti con le Poste a tenerci informati comunicando in questo blog se hanno ricevuto via posta (cartacea) un messaggio sulla disponibilità delle SIM. Chiedete a parenti ed amici di controllare bene il loro estratto conto e tutto il resto che arriva da Poste Italiane (anche via DEM)

 


Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Renato Gelforte - pubblicato il 28/11/2007 - permalink
pubblicità mobile poste italiane


Discussioni 0
Aggiungi un commento
redazione di comunitàzione | altri suoi testi nel blog
creando una propria divisione interna

L'in-game advertising, ovvero la pubblicità venduta all'interno dei video giochi sta rappresentando un business sempre crescente.

La sony computer ha deciso di non farsi sfuggire l'occasione delegando ad agenzie esterne la gestione e la vendita di questi "spazi" ma di creare una propria divisione interna.

L'unità si occuperà di studiare e sviluppare sistemi e strategie per i messaggi promozionali all'interno dei giochi, con particolare riguardo alla piattaforma online integrata PlayStation Network.

A tale proposito, SCEA ha piazzato come director del Network Advertising Darlene Kindler, persona esperta nel settore, che sarà direttamente legata a Phil Rosenberg, senior vice president of Sales and Business Development.
La mossa di Sony pare essere una risposta del produttore di PlayStation all'acquisizione di Massive da parte di Microsoft.


VIA: Multiplayer



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

redazione di comunitàzione - pubblicato il 08/10/2007 - permalink
in-game advertising sony advertising postmoderna


Discussioni 0
Aggiungi un commento
L'agenda del creAttivo
I nostri autori sono:

Abbiamo parlato di:

Top five
RSS

Add to Technorati Favorites

 
 
 
Le nostre rubriche