ctablog, il logo
Area Riservata

Recupera i tuoi dati

iscriviti
username
password leggi le news sul mondo del Mkt e della comunicazione
ricordami

 
Simona Solinas | altri suoi testi nel blog

Con: Valentina Tanni, N!03, Glasspiel

Dove: Roma 

Quando: dall' 11 Giugno 2010

 

 

Il ciclo di Visual Design unisce la transitorietà del contemporaneo alle suggestioni della cultura pop, in cui l’arte e la comunicazione si fondono a re-inventare l’immaginario collettivo in un continuo gioco di forme, storie, eventi.
Tre appuntamenti in cui, a partire dalla ricerca e ideazione di nuovi linguaggi, si giunge ad uno stretto indissolubile dialogo tra il momento produttivo del “mestiere” e la creazione “artistica”.

 

Tre incontri, tre realtà, un unico percorso di senso.

 

Si parte con Valentina Tanni in “Curating New Media Art” – un viaggio denso e affascinante attraverso il mondo delle arti elettroniche (video arte, net art, software art, hacktivism), la sperimentazione artistica, le nuove metodologie curatoriali, l’archiviazione, la tutela, i criteri espositivi.

Il secondo incontro è con N!03, studio di produzione video e multimediale che ci accompagnerà all’interno di ambienti multimediali immersivi.

Glasspiel, studio di produzione video e interaction design, concluderà questo ciclo di workshop mostrando la sua abilità tecnica nel reinterpretare la realtà attraverso forme, immagini, light e video design e video mapping.

 

INSEGNAMENTI
Il piano del corso in sintesi

 

"Curating New Media Art" - Valentina Tanni -

quando: 11 e 12 giugno 2010, dalle 14.30 alle 18.30

 

MODULO I - Come nasce la New Media Art

La New Media Art ieri e oggi

Strategie curatoriali

Il progetto: contenuti artistici, modalità organizzative, strategie di comunicazione

La scelta degli artisti e delle opere

 

MODULO II -  Gli aspetti tecnici della curatela

L'allestimento e la manutenzione

Problematiche conservative

Multimedialità e convergenza: dall'evento al web

 

 

 

" La Multimedia Art" - N!03 -

quando:  il 18 e 19 giugno 2010, dalle 14.30 alle 18.30

 

MODULO I - La ricerca artistica

Le diverse tipologie di lavoro: dalla progettazione alla produzione

L'elaborazione dell'immagine

La progettazione archittetonico- spaziale

Lo sviluppo dei contenuti multimediali

Presentazione case-history

 

MODULO II - L'installazione

Le fasi realizzative del progetto

Il montaggio di un ambiente immersivo

Le tecniche di linguaggio

Lo studio di un percorso:dagli aspetti tecnici della regia all'interazione del pubblico

 

 

 

"L'interaction Design" - Glasspiel - 

quando:  il 25 e 26 giugno 2010, dalle 14.30 alle 18.30

 

MODULO I - Il mondo dell'interaction design

Le differenti tipologie di lavoro: la computer-grafica, i cortometraggi, il videomapping

L'interazione uomo-macchina

Forme, colori, volumi con l' interaction desig

La nascita di un progetto

Le applicazioni per realizzare i contenuti: prossimità, rotazione, pressione, riconoscimento

Case History

 

MODULO II - La realizzazione del progetto

L'allestimento

Gli strumenti di interazione visiva

Nuove applicazioni: fiducial markers, augmented reality, laser tag, mapping

Gli aspetti tecnici e realizzativi: dalla mostra ad altre tipologie di evento

 

 

AMMISSIONE

Per partecipare al corso è necessario inviare il proprio curriculum vitae all'attenzione di Elisa Masiero - elisamasiero@eventlab.eu - ed eventualmente fissare un colloquio informativo/conoscitivo.

 

 

COSTI E AGEVOLAZIONI

 

  • Educational Completo (3 moduli): 600,00 € + Iva

  • 2 moduli a scelta: 500,00 € + iva

  • 1 modulo a scelta: 300,00 € + iva

 

FREQUENZA

Formula week end, venerdì e sabato dalle 14.30 alle 18.30 per tre week-end consecutivi.

 

 

 

 


VIA: Eventlab



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Simona Solinas - pubblicato il 22/03/2010 - permalink
corsi arte musica elettronica valentina tanni curatela mostre roma allestimenti mostre arte new media realtà aumentata N!03 Glasspiel LPM


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Cristiana Ceruti | altri suoi testi nel blog
ECO-CO-HOUSING = ECOLOGICA-INTEGRAZIONE-ABITATIVA

Intesa come reale intreccio di equilibri indissolubili che coniugano la sostenibilità ambientale, l’integrazione tra natura e ambiente costruito, il benessere umano a livello fisico - psichico, con la “socialità domestica”: l’uomo è a casa propria nel mondo e il mondo si fa casa negli uomini.

Il Concorso di Ideecostruttive che richiama energie mentali, suggestioni dell’anima, competenze specifiche per la realizzazione di opere e progetti che promuovano l’Ecosistema nel suo equilibrio Uomo - Casa - Ambiente. L’obiettivo principale del Concorso è quello di coinvolgere artisti o aspiranti tali, e futuri o attuali professionisti in Architettura - Ingegneria e Design perché investano creatività e talento. Oggi questi nuovi protagonisti possono rompere un comportamento distruttivo e irrompere nella realtà per ricreare l’equilibrio naturale dell’Ecosistema.

House Company, con “ECOHOUSING ART - PROGETTI PER ABITARE GLI SPAZI”
1a EDIZIONE CONCORSO NAZIONALE “PREMIO IMMOBILIARE 2010”, si è prefissata l’obiettivo di far “mettere in gioco” e rendere accessibile agli utenti il processo creativo dei protagonisti partecipanti al Concorso di Ideecostruttive allo scopo di far condividere e valutare in itinere il prodotto della creatività Uomo-Casa-Ambiente attraverso 3 fasi: work in progress, award in progress, art show in progress.


VIA: House Company Srl



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Cristiana Ceruti - pubblicato il 27/08/2009 - permalink
Ecohousing Ecohousing art cohousing ecosistema ambiente concorso premi bandi gara studenti professionisti artisti architetti ingegneri designer arte arti visive architettura repertorio mostre eventi design interior design giuria pop


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Alex Badalic | altri suoi testi nel blog
Sito rinnovato, blog e Facebook per la mostra sulla comunicazione rifiutata.

CREATIVES ARE BAD

ACCETTIAMO RIFIUTI
DA TUTTA ITALIA

È con questa headline che si presenta la versione rinnovata del sito di CREATIVES ARE BAD, la mostra sulla comunicazione rifiutata di MTN Company.

E non è tutto. CREATIVES ARE BAD, ora ha anche il suo blog in puro stile MTN: Creatives are Bad! - blog

Facebook

La mostra ha ora anche un suo gruppo di discussione su Facebook, CREATIVES ARE BAD - Mostra sulla comunicazione rifiutata. Per aderire al gruppo è necessario iscriversi a Facebook. L'iscrizione è gratuita e aperta a tutti.

I ragazzi di MTN Company e tutti noi ci stiamo dando un gran daffare.

Ma nulla si sà ancora della ventilata apertura ai nuovi media e al Web Design che molti aspettano? La comunicazione non è solo quella tradizionale...


VIA: AAA Copywriter Pubblicità Varese - News & Riflessioni



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Alex Badalic - pubblicato il 21/05/2008 - permalink
creatives-are-bad mostre siti-internet blog facebbok


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Alex Badalic | altri suoi testi nel blog
Parla Carmine D'Alessio di MTN Company, l'organizzatore

Alex Badalic Intervista all’amministratore di MTN Company, l'agenzia che ha ideato la mostra della creatività rifiutata

Innanzitutto, cos'è “Creatives are Bad”?

“Creatives are bad” è un evento unico nel suo genere: una mostra delle pubblicità, o dei lavori di progettazione grafica rifiutati e/o censurati. Ma la peculiarità di questo evento è stata anche un’altra: probabilmente per la prima volta siamo riusciti a mettere in relazione tante diverse agenzie, spingendole a lavorare insieme per un unico obiettivo, senza inutili rivalità e senza secondi fini”.

Come e perché è nata una mostra come “Creatives are Bad”?

“Creatives are bad è nata semplicemente riflettendo sul nostro lavoro. Da amministratore di un'agenzia di comunicazione so bene lo stato d'animo che deriva da una bocciatura da parte di un cliente. Ci siamo interrogati, allora, sulle reali motivazioni di questi rifiuti. Errori di progettazione, scarsa cultura da parte del cliente o, semplicemente, difficoltà di dialogo? Ci siamo detti, così, esponiamo questi lavori, sia per un riconoscimento a tanta abnegazione e passione (altrimenti invisibili), sia per confrontarci, clienti ed agenzie, e capire quali strade percorrere in futuro. Abbiamo da subito coinvolto il valido Luca Oliverio di Comunitàzione che si è detto immediatamente entusiasta del progetto e... siamo partiti con l'organizzazione. Il resto è storia attuale”.

Possiamo avere un'anticipazione su quello che ci aspetta a Milano?

“Dopo una “prima” a Cava de'Tirreni, in provincia di Salerno, la mostra è diventata itinerante e, dopo la tappa Narni, a dicembre approderà nella prestigiosa sede dell'AIAP a Milano. I visitatori troveranno innanzitutto centinaia di lavori esposti ed agenzie provenienti da ogni parte d'Italia. Numeri importanti, non per motivi autocelebrativi, piuttosto utili a creare un dibattito più ricco ed interessante. E' questo lo spirito di Creatives are Bad: un sano confronto tra professionisti, neofiti, clienti di agenzie e semplici appassionati (il pubblico delle nostre pubblicità). E' per questo motivo che la mostra si apre abitualmente con un convegno. Quello tenutosi a luglio a Cava de'Tirreni ha affrontato il tema "Clienti e agenzie: due lingue diverse? I motivi celati dietro al rifiuto". Sono intervenuti importanti professionisti della comunicazione, molti dei quali per la prima volta al Sud. Ne è scaturito un dialogo estremamente costruttivo”.

Lo scorso anno Salerno, quest'anno Cava de'Tirreni: “Creatives are Bad” parte sempre dal Sud. Perché?

“Non è una scelta legata al semplice campanilismo. O meglio, non solo. Da agenzia campana è indubbio che siamo portati a valorizzare innanzitutto il nostro territorio. La decisione di ambientare la “prima” al Sud, tuttavia, ha anche una motivazione più profonda, legata alla filosofia dell'evento. Creatives are Bad, da mostra della comunicazione rifiutata, trova una location ideale proprio nel luogo dove pubblicità e cultura progettuale vivono le maggiori difficoltà, il Meridione d'Italia. Posso già preannunciare che il prossimo anno ci sarà una straordinaria eccezione. Solo per il 2008 il cammino della mostra sarà inverso. Il 5 dicembre, a Milano, sveleremo l'arcano. Colgo l'occasione, dunque, per invitare tutti a vistare la mostra che resterà aperta fino al 21 dicembre. Ci terrei che non intervenissero solo professionisti o appassionati della comunicazione. La comunicazione, che lo si voglia o no, è rivolta a tutti ed è interesse comune capirne le dinamiche e scoprire... cosa ci siamo persi”.


VIA: NEWS & RIFLESSIONI



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Alex Badalic - pubblicato il 04/12/2007 - permalink
advertising comunicazione interviste mostre pubblicità


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Alex Badalic | altri suoi testi nel blog
Le opere "censurate" della comunicazione italiana in mostra presso la sede AIAP

Creatives Are Bad, la "mostra sulla comunicazione rifiutata" ideata da MTN Company di Cava de' Tirreni e da noi di Comunitàzione.it aprirà presso la GalleriaAIAP in Via Ponchielli, 3 a Milano mercoledì 5 dicembre alle 18, e resterà aperta al ogni giorno dalle 14 alle 18 fino al 21 dicembre. L'ingrasso è gratuito.

Dei nostri hanno già confermato la presenza Luca Oliverio e Alex Badalic

Creatives are bad


VIA: NEWS & RIFLESSIONI



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Alex Badalic - pubblicato il 23/11/2007 - permalink
advertising comunicazione mostre pubblicità


Discussioni 0
Aggiungi un commento
L'agenda del creAttivo
I nostri autori sono:

Abbiamo parlato di:

Top five
RSS

Add to Technorati Favorites

 
 
 
Le nostre rubriche