ctablog, il logo
Area Riservata

Recupera i tuoi dati

iscriviti
username
password leggi le news sul mondo del Mkt e della comunicazione
ricordami

 
Sara Caminati | altri suoi testi nel blog
sabato 18 aprile dalle ore 15.00 alle ore 24.00 allo Spazio Oberdan, Milano

Metrocult Day è un evento insolito che vedrà 16 iniziative culturali diffuse sul territorio - organizzate da oltre 30 associazioni ed artisti - fondersi l’una con l’altra per innescare una riflessione sulla carenza di spazi per fare e fruire cultura.

Metrocult Day è un grande evento multimediale - promosso dall’Assessorato alla Cultura, Culture e Integrazione della Provincia di Milano in collaborazione con Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo e MGM Digital Communication.
Una maratona di creatività ed interattività che proseguirà senza sosta dalle ore 15 fino alle ore 21 di sabato 18 aprile.

Lo spazio Oberdan della Provincia di Milano sarà trasformato per l’occasione in un vero studio telematico!
Metrocult Day è infatti una manifestazione crossmediale il cui ruolo centrale è ricoperto da internet. Nella rete, infatti, transiteranno in tempo reale tutti i collegamenti con gli eventi prodotti dalle diverse associazioni culturali, ripresi attraverso web-tv e redazioni mobili distribuite sul territorio.

SPAZIO OBERDAN - SABATO 18 APRILE 2009

15.00 Opening - Registrazione dei partecipanti e delle associazioni a Metrocult

15.30 “Cibo e canti fanno popolo” - Coro Città di Milano

16.00 LA CULTURA NEL TERRITORIO
Saluto di Daniela Benelli, Assessore alla Cultura, Culture e Integrazione della Provincia di Milano

Intervengono
Patrizia Valduga – poetessa
Modou Gueye – performer
Carlo Mazzoni – scrittore

Collegamenti
Gratosoglio: “I miei writer, le loro tag” – Giovanni Rubino
Naviglio Martesana: “Bestiaria a Oriente della Martesana” – Teatro La Madrugada
Centro Sarca: “A caccia di stelle con Ideanna” – Gedeone Teatro e Marcella Fanzaga
Chiesa di san Cristoforo: “Il mistero di San Cristoforo” – Marco M. Pernich e Studio Novecento

Intervento musicale di Patrizio Fariselli
Videoimmagini di Storie Digitali

17.20 PUBLIC ART COME PROCESSO PARTECIPATIVO

Interviene Gabi Scardi - critico d’arte

Contributi video
“Traslochi” – Teatro Officina
“Foresta nascosta” – Matteo Balduzzi
“CODEX Segnali di Vi(t)a” – Associazione Due Punti Aperte Le Virgolette

Intervento musicale di Ricky Gianco e Patrizio Fariselli
Videoimmagini di Storie Digitali

18.20 RIUSO DEI LUOGHI

Intervengono
Antonio Bocola – regista
Serena Sinigaglia – regista

Collegamenti
Centro Città: “Tempo Mobile” – Precare.it e Cantieri Isola
Corso Garibladi 89/A: “Casetta degli artisti” – Associazione 89/A, Juan Carlos Usellini e Federica Roveda
Casa Morigi: “D’altra-vita/D’altro-luogo” – Centro Studi assenza, Isolacasateatro, Architetture delle Convivenze

Intervento video musicale “Il tempo dell’acqua, il tempo della musica” di Tony Rusconi

19.20 NUOVI SPAZI PER LA CULTURA MILANESE
ne parlano Daniela Benelli, Assessore alla Cultura, Culture e Integrazione della Provincia di Milano, Carmela Rozza, Consigliere comunale e Gianni Biondillo, scrittore

20.20 UBIQUA performance telematica di danza a cura di Ariella Vidach – AiEP
in collaborazione con Shuko, Il Cortile, Sinapsi, C-DAP Lombardia, Robabramata

Alle 21.00 Metrocult Day si trasferisce a “La Cattedrale” di Cusano Milanino (V. Zucchi 39/G) per lo spettacolo di musica, danza e immagine “DURIDISKARPETTEN!!! Libera Energia Libera” a cura di Agostina Pallone, Sabine Raffeiner con la Ensemble Arabesque – danza e Duridorecchio e per la video performance “STREET CINEMA _ la città come grande sala” a cura di Componibile62 e Manufatti Audiovisivi

Metrocult Day è presentato da Paolo Maggioni, giornalista Radio Popolare
Collegamenti, interviste e regia web a cura di www.c6.tv
Videoinstallazione di Stefano Pesce “Sottosuono”
Esposizione opere di Patrizia Pompeo
Videosigla Magellano Progetti

Ti aspettiamo!
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.


VIA: Metrocult Day



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Sara Caminati - pubblicato il 15/04/2009 - permalink
Metrocult Day eventi creatività milano spazi cultura provincia arte musica design innovazione


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Sara Caminati | altri suoi testi nel blog
E’ stato inventato Amoreblue, il suono dell’amore

A Milano, in Piazza Duomo, sabato 14 febbraio dalle ore 15.30 alle 16.30, futuristici ed elegantissimi modelli interattivi faranno la loro apparizione, indossando sulle proprie teste un monitor che trasmetterà messaggi d’amore e un invito per i passanti ad attivare la funzione bluetooth del proprio cellulare per ricevere gratuitamente, in anteprima assoluta, l’innovativo e accattivante suono dell’amore, il suono che fa innamorare.

Ascoltando Amoreblue , il suono che sfrutta il principio della risonanza cerebrale, attraverso onde a bassa frequenza, si è maggiormente predisposti nei confronti dell’amore.

L’evento, organizzato da un gruppo di innovativi imprenditori (www.innovationmarketing.it), si rivolge a coppie e single di qualsiasi età, coinvolgendoli durante il giorno di San Valentino dove saranno accomunati dal desiderio d’amore.

Un pomeriggio all'insegna dell'innovazione tra bluetooth, Cyclop e suond design per trasmettere un messaggio positivo a quanti transiteranno sotto la Madonnina.


VIA: Innovation Marketing



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Sara Caminati - pubblicato il 13/02/2009 - permalink
amoreblue comunicazione marketing bluetooth cyclop sound design evento innovazione


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Luca Oliverio | altri suoi testi nel blog
anticipare è sempre meglio che ritardarre, tranne che col sesso.

Era atteso da anni il nuovo sistema proclamato spesso da Bill Gates, un uomo che quando parla andrebbe ascoltato attentamente.

Ricordo tempo fa quando un po' con fare minaccioso chiedeva alle aziende di comunicazione di semplificare i costi di accesso alla rete.

Lo ricordo bene.

Qualche tempo dopo sparirono gli accessi a pagamento, i provider, e nacquero le flat.

Qualche tempo dopo aveva dichiarato che i sistemi di comunicazione erano ancora troppo costosi, troppo lenti, troppi faraginosi e complicati.

Sono passati più di dodici mesi dalla sua apparizione da Fabio Fazio. Era in quell'occasione che ne parlò al grande pubblico italiano, dopo una conferenza "ristretta", si fa per dire, in concomitanza con lo SMAU 2006.

Oggi annuncia l'avvio di United: ovvero il sistema integrato, leggero e poco costoso destinato a rivoluzionare il mondo delle imprese: agevolando i contatti tra i vari operatori e soprattutto diminuendo drasticamente i costi, anche perché diminuiranno gli spostamenti e le perdite di tempo dovute ai mancati contatti tra i protagonisti.

da TGCOM
United Communcations rappresenta, agli occhi della Microsoft, la fine della videoconferenza tradizionale, quella costosa, tra due punti fissi, che sfrutta linee dedicate spesso onerose. Il nuovo programma integrato - che si muove attraverso qualsiasi tipo di collegamento veloce, dalla adsl al wi-fi, dal cavo alla rete cellulare veloce - permette di passare in un batter d'occhio, con un semplice clic del mouse, dalla email alla messaggeria instantanea, dal messaggio sulla segreteria telefonica elettronica alla classica telefonata.

Ovviamente il tutto è possibile con un semplice palmare o un telefonino oltre al poratile.

''Le comunicazioni verranno totalmente rivoluzionate'', secondo Gates.

Il Rount Table, un microfono-telecamera che può essere piazzato dappertutto e che, come un regista televisivo, cattura la immagini di chi sta parlando per poi trasmetterli in tempo reale agli interlocutori lontani.

Questa sembra l'innovazione più interessante...
Gli obiettivi di United Commmunications sono molto ambiziosi: raggiungere in tre anni 100 milioni di utenti, che dovrebbero essere in grado di ridurre i propri costi, tra viaggi ormai inutili e tempo perso in contatti difficili da fare, fino al 50 per cento.

Nuove sfide per gli interaction designer, nuove rivoluzioni in vista... perché la Microsoft fa da pilota, ma il volano lo metteranno come al solito gli sviluppatori indipendenti, gli innovatori: quella piccola fascia di popolazione che punta su fring, su skype, sui blog, quando ancora ad usarli sono una minoranza.

Attenderei quindi gli sviluppi di questa innovazione con molta attenzione e trepidazione, ma sopratutto farei di tutto, se fossi in voi, per capirla, anticiparla, studiarla e conoscerla.

Forse sembra una cavolata, ma in realtà quello che ci si sta per prospettare è la vera integrazione tra i diversi media.

E se i pianificatori (o media planner se preferite) non aspettassero che sia google a capirne le potenzialità ma lo anticipassero, iniziassero a crederci a puntarci, a lavorarci e a pianificarci?

per una volta potremmo arrivare prima degli altri ad un appuntamento.

Odio essere in ritardo.

Ma come col sesso, a volte è importante saper aspettare e cogliere l'occasione giusta.


Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Luca Oliverio - pubblicato il 17/10/2007 - permalink
united microsoft interaction designer innovazione futuro della comunicazione


Discussioni 0
Aggiungi un commento
L'agenda del creAttivo
I nostri autori sono:

Abbiamo parlato di:

Top five
RSS

Add to Technorati Favorites

 
 
 
Le nostre rubriche