ctablog, il logo
Area Riservata

Recupera i tuoi dati

iscriviti
username
password leggi le news sul mondo del Mkt e della comunicazione
ricordami

 
Flaminia parrini | altri suoi testi nel blog
dal 4 al 6 ottobre 2012 in Fiera Milano Rho

La fiera leader in Europa della comunicazione visiva propone materiali e prodotti personalizzabili per riqualificare qualsiasi ambiente anche con budget ridotti e rispondere ai bisogni di un cliente sempre più esigente. L’edizione 2012 di VISICOM ITALIA si presenta come un appuntamento da non perdere per architetti, designer, progettisti, restauratori e non solo operatori della comunicazione.  

Milano, 13 settembre 2012. L’appuntamento con l’innovazione sarà dal 4 al 6 ottobre 2012 in Fiera Milano Rho con VISCOM ITALIA 2012, la fiera che riunisce tutta la filiera della produzione e della distribuzione della comunicazione visiva. L’innovazione tecnologica ha trasformato le modalità di espressione di tutto il settore: Insegnistica, Cartellonistica, Stampa Grande Formato, Serigrafia - Tampografia - Ricamo - Incisione - Fresatura - Laser – Packaging - Labelling Digital Signage - P.O.P. sono diventati strumenti duttili e facilmente personalizzabili in grado di venire incontro alle esigenze di molteplici settori, dall’arte all’architettura, dal restauro alla decorazione di interni, dai beni culturali al retail e al punto vendita per finire con la moda e il design.  Da questo punto di vista si apre un nuovo scenario che abbraccia, non solo il settore pubblicitario ma anche molteplici comparti del mondo industriale grazie a tecnologie e applicazioni in grado di personalizzare prodotti e ambienti mettendo nelle mani di progettisti, designer, architetti, restauratori una creatività a 360° per giocare con tradizione, tendenza e tecnologia.

Talento, creatività, competenza progettuale, sono valori che hanno contribuito a fare dell’Italia il leader mondiale nella sfera del design. Ed è Milano la città simbolo in cui convergono le energie dei professionisti che attivamente hanno contribuito all’evoluzione e alla promozione di questo fenomeno. Qui è nato e si è sviluppato il DNA del design italiano, qui nascono linguaggi, tendenze e strategie, qui si formano i progettisti e i creativi del futuro. Non poteva essere – dunque – che Milano il luogo più appropriato per dare vita a un nuovo appuntamento fieristico internazionale all’interno della prossima edizione di Viscom ITALIA per presentare, in anteprima, un palcoscenico di soluzioni vincenti per ridisegnare il mercato del design internazionale.

Designer, architetti, arredatori, progettisti, restauratori retail manager avranno la possibilità, nei tre giorni di fiera, di vedere e toccare dal vivo queste innovative applicazioni per apprendere come realizzare e trasformare le superfici in un grande potenziale comunicativo e progettuale, riconvertire sistemi d'arredo preesistenti in rinnovati elementi scenici e funzionali. Avere elementi grafici stampati che permettono di differenziare e completare lo spazio dedicato, rivoluzionare le concezioni creative concependo un nuovo modello di superficie. Infine nuove grafiche e colori suggestivi per mobili, piastrelle, tende, e parquet ma anche per restaurare e rinnovare ambienti, case e punti vendita con soluzioni innovative e sempre di grande impatto visivo.

 

Sono tante le occasioni offerte da VISCOM ITALIA 2012 per questi operatori: dalla Viscom Boutique, un vero temporary shop dove esplorare le soluzioni più trendy per comunicare e rinnovare i punti vendita, ai numerosi appuntamenti del Viscom Forum volti ad approfondire quali sono i vantaggi che offrono le più recenti tecniche di stampa e di recovering per il decoro di interni, le tecnologie multimediali per comunicare il punto vendita e la gestione del colore nella fotografia e il 3D fotorealalistico per promuovere il proprio brand. Durante i Viscom Lab si potranno invece vedere “dal vivo” le tecniche di decorazione murale, di stampa serigrafica ad effetto su tessuti e altri materiali. E ancora, nell’area Viscom Awards saranno esposte le migliori soluzioni per il punto vendita, presentate dal concorso D.I.V.A., frutto delle idee e dell’impegno congiunto di creativi, industria della marca e professionisti del retail.

In più, per VISCOM ITALIA 2012, Material Connexion Italia ha preparato una nuova gamma di inchiostri, pigmenti, adesivi, pellicole, fogli, pannelli, filati, trattamenti e prodotti tessili, oltre a processi e tecnologie mai utilizzati prima per la comunicazione visiva.

 

Un ricco programma di iniziative – messo a punto grazie alla collaborazione con numerose associazioni quali Aifil per l’insegnistica e cartellonistica, ALA - Assoarchitetti per il settore dell’architettura, AIPi per il comparto degli interior designer, Assofranchising per il mondo franchisor e retail, Assoprom per i produttori e distributori di articoli promozionali e pubblicitari, AssoDS per il Digital Signage e Siotec, per la serigrafia - volte ad accompagnare l’operatore professionale alla ricerca di quanto più innovativo offra il mercato. Il programma completo della manifestazione è disponibile online su: http://www.viscomitalia.it.

 

Fino al 28 settembre è possibile pre-registrarsi online e usufruire del biglietto di ingresso gratuito: www.viscomitalia.it.


VIA: flaminia parrini



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Flaminia parrini - pubblicato il 20/09/2012 - permalink
comunicazione visiva


Discussioni 0
Aggiungi un commento
cristina skarabot | altri suoi testi nel blog
5 CONSIGLI PER MIGLIORARE UNA GIORNATA COMINCIATA MALE.

Nel fare coaching incontro spesso manager che non sono assolutamente pronti ad iniziare la sessione della giornata. Il motivo? Hanno un diavolo per capello – e non sono calvi – già alle 9 del mattino: appoggiano nervosamente i telefonini (almeno 2 o 3) sul tavolo e qualcuno anche il suo iPad e mi guardano con il volto teso, e lo sguardo che saetta nervosamente da un punto all’altro. Non si può non tenere conto di questi segnali prima di iniziare una sessione di coaching, che dovrebbe essere un momento di serenità e di crescita e non certo un ulteroiore obbligo da aggiungere ai già mille problemi quotidiani. Prima di iniziare comunico al mio interlocutore che il suo è lo stato d’animo di una persona la cui giornata è iniziata in salita (o come dicono alcuni, col piede storto). C’è qualcosa che posso fare per lui? Naturalmente. Con un approccio sereno e ascoltando attivamente come solo il coach sa fare, induco il manager a raccontarmi come mai da la giornata è “cominciata male” e condivido con lui alcune idee da sperimentare. Ecco quali sono: 1. Evitare (con garbo) di stare vicino o parlare con persone che, vedendovi in questo stato dicono:“Ma come mai sei così nervoso questa mattina? Cosa ti è successo?” Oppure, in seguito di una vostra risposta un pò brusca: “Ma ce l’hai con me stamattina?” 2. Prendere consapevolezza del vostro stato di nervosismo e che si tratta di uno stato alterato. Fermatevi e cercate un po’ di tranquillità, poi respirate lentamente, meglio se a occhi chiusi. 3. Produrre pensieri positivi e rivivere i momenti in cui avete sperimentato un senso di energetica motivazione e realizzazione. Ricordate che voi potete indirizzare i pensieri e quindi è sollo vostro il compito di scegliere quelli migliori per la giornata appena cominciata. 4. Ascoltare un brano musicale che vi piace e abbandonarsi a qualche minuto di distrazione e serenità. Decidete di sentirvi meglio e ricordare i bei momenti in cui quella musica vi ha accompagnato. 5. Solo ora cominciare a pensare alla soluzione per ognuno dei problemi, che vi hanno fatto fatto iniziare la giornata in salita. Non tutti insieme, ma uno alla volta, scrivendo per ciascuno la soluzione e visualizzandola come già realizzata nella vostra mente. Come potete vedere sono suggerimenti pratici e semplici, ma richiedono disciplina per diventare parte della vostra quotidianità.


VIA: The Next Step



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

cristina skarabot - pubblicato il 11/07/2012 - permalink
positivo comunicazione ascolto giornata business manager imprenditori nervoso stato d'animo coaching


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Viola Venturelli | altri suoi testi nel blog
La società romana di Relazioni Pubbliche premiata con uno dei più autorevoli riconoscimenti internazionali nel mondo delle RP. Ad essere vincenti l'approccio senior level e il profilo multidisciplinare del team dell'agenzia.

INC, la società romana di comunicazione guidata da Pasquale De Palma, ha ricevuto il prestigioso premio “The Holmes Report – Italian Consultancy of the Year 2012”, considerato uno dei riconoscimenti più ambiti nel panorama internazionale delle Relazioni Pubbliche.

“Siamo davvero orgogliosi di questo premio, dichiara Pasquale De Palma, Presidente e CEO di INC. Ci piacciono soprattutto le motivazioni alla base di questo riconoscimento, e cioè la riconosciuta competenza e seniority multidisciplinare dello staff e soprattutto la capacità provata di raggiungere risultati orientati al business dei nostri clienti. Una concretezza che da sempre è parte del nostro dna di agenzia. Sappiamo bene che alla base di questo successo ci sono due fattori: la fiducia che i nostri clienti ripongono in noi, e la qualità del nostro team di professionisti, la competenza, la passione e l’impegno con cui lavorano ogni giorno su ogni progetto. E soprattutto a loro va il nostro ringraziamento.”

Nell’attribuire il riconoscimento, The Holmes Report scrive: “L'azienda si caratterizza rispetto ai suoi competitors per l'elevata seniority dello staff, per il committment e la passione di un gruppo di lavoro basato sulla multidisciplinarietà e focalizzato al raggiungimento di obiettivi di business. L'anno scorso ha vinto il Global SABRE Award come migliore campagna mondiale di PR nella categoria Corporate Responsibility per “Le Chiacchiere stanno a zero. O Bevi o guidi”, realizzata per AssoBirra. Altri importanti riconoscimenti le sono stati attribuiti per la campagna di GCAP – Coalizione Italiana contro la Povertà lanciata in occasione del G8 dell'Aquila e per l'Osservatorio Europcar sugli stili di vacanza degli italiani."

Il riconoscimento di The Holmes Report arriva in un momento importante per l’agenzia romana. In un mercato reso sempre più difficile dalla congiuntura che vive l’ economia italiana, INC ha visto confermata la fiducia da parte dei clienti “storici” (AssoBirra, AIA, Negroni, HTC, Europcar, Aism, Agire, solo per citarne alcuni) e ha continuato ad acquisire clienti in nuovi mercati. Nei primi mesi del 2012 INC ha vinto due prestigiose consultazioni internazionali per la gestione delle attività di RP di Emirates e di UNHCR, l’agenzia dell’ONU per i rifugiati.

Il premio verrà consegnato nella cerimonia di premiazione degli EMEA SABRE Awards (Superior Achievement in Branding and Reputation) che si svolgerà stasera, 31 maggio 2012, a Bruxelles.


Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Viola Venturelli - pubblicato il 31/05/2012 - permalink
comunicazione pr the holmes report premi award internazionale


Discussioni 0
Aggiungi un commento
rosanna boi | altri suoi testi nel blog
UNA GUERRA IN ATTO

Paolo Ferraro Due
Informo i distratti che la strage tentata e l'omicido terroristico di Brindisi indicano una guerra in atto ed un tentacolo NERO della piovra .. in fase di abbandono da parte della piovra .. medesima .. e una attenta analisi degli accadiment...i degli ultimi sette mesi . a partire dalle bombe della NORVEGIA, dalle bombe di TERAMO, ad una erie di eventi successivi non lascia spazio a dubbi significativi, Occorre portare un progetto unitario pacifico, argnare ogni controffensiva terroristica o di violenza , e sapere che compartimenti e parti dello Stato , che sempre nostro è , anche se in mano ad altri , stanno lavorando per la verità .. necessariamente in silenzio . A tutti consiglio di valutare quanto appresso e di diffondere .. l'intero POST PRESENTE .... e di accellerare i tempi e modi di una coscienza comune condivisa affratellata .. ponendo fine a tutte quele condotte anche individuali che REMANO CONTRO .
SERVIZIO VIDEO SU ITALIA UNO : VERTICI MILITARI MAGISTRATURA PSICHIATRICA ED AVVOCATURA DEVIATI, PROGETTO MONARCH , PROGETTO MK ULTRA e DENUNCIA GLOBALE E PROGETTO ALTERNATIVO di PAOLO FERRARO, DA VALUTARSI INSIEME ALL'EVENTO GRANDE DISCOVERY. http://www.video.mediaset.it/video/mistero/puntate/302685/le-teorie-di-adam-kadmon.html#tc-s1-c1-o1-p1
SIAMO ORA SU
http://paoloferrarocddgrandediscovery.blogspot.it/
LA GRANDE DISCOVERY MULTIMEDIALE.
1. MEMORIALE INTEGRALE DEPOSITATO IL 7 MARZO 2011.
2. MEMORIA SINTETICA CON ALLEGATI CHE CONSENTONO DI RICOSTRUIRE TUTTE LE VICENDE.
3. BROGLIACCI CON AUDIO RELATIVI ALLE VICENDE A MONTE.
TRE DOCUMENTI MULTIMEDIALI CHE CONSENTONO A CHIUNQUE VOGLIA , DI CAPIRE E DECIDERE LA CUIU PUBBLICAZIONE E LE REAZIONI A CATENA RELATIVE STANNO SMUOVENDO AB IMO LO STAGNO

BLOG
http://www.paoloferrarocdd.blogspot.it/ ( con bottoni link a tutta le ricerche in rete )
http://www.paoloferrarocdd.altervista.org/ ( SITO NUOVO LEGGERO RAPIDO ACCESSO

LA GRANDE DISCOVERY CDD ( memoriale completo con link ipertestuali e documenti, video audio etc ivi compresa banca dati progetto MK- ULTRA )
http://paoloferrarocddgrandediscovery.blogspot.it/
http://paoloferrarocddgrandediscovery.blog.com/
http://www.123homepage.it/paoloferrarocddgrandediscovery

CANALI VIDEO CDD
http://www.youtube.com/user/CDDpaoloferraro/videos
http://www.youtube.com/user/paoloferraroCDD/videos
https://vimeo.com/user8636535/videos

SU FB
https://www.facebook.com/PAOLOMAG
http://www.facebook.com/PAOLOFERRARODUE
http://www.facebook.com/PaoloFerraroTre

GRUPPO https://www.facebook.com/groups/CDDComitatodiCoordinamentoDifendiamolaDemocrazia/

PAGINA PRINCIPALE
https://www.facebook.com/pages/CDD-Comitato-Difendiamo-la-Democrazia/220264781353085
MAIL ccdd.difendiamolademocrazia@gmail.com
MAIL2 pafer3@libero.it
CELLULARE 3929069339
INDIRIZZO SKYPE paolo.ferraro65
INDIRIZZO ooVoo paoloferraro
Visualizza altro
www.video.mediaset.it
Monarch: il progetto segreto per controllare le menti...
45 minuti fa ·


Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

rosanna boi - pubblicato il 21/05/2012 - permalink
COMUNICAZIONE


Discussioni 0
Aggiungi un commento
CarloMaria Grassi | altri suoi testi nel blog
un "bravo" a Geaoffrey Jeames

Desidero rendere omaggio a Geoffrey che ha pubblicato un testo molto interessante e che mi ha riportato indietro nel tempo …
Non è una novità che un atteggiamento positivo renda più facile la vita sia privata sia aziendale ed è per questo che forse chi ha la mia età si ricorderà che per anni noi creammo … testi rivolti al positivismo … messaggi con un imprinting positivo … claim positivi … addirittura campagne di motivazione etc. Forse è per questo che leggendo il testo di Geoffrey ho avuto come un flash-back … Credo valga la poena di riportarlo in modo integrale e non tradurlo. Ecco lo qui e ditemi se ho commesso un errore a riportarlo tale e quale. Buona lettura.
Become More Optimistic: 6 Smart Tricks
To acquire a more positive attitude, all you really need is a more powerful vocabulary. Try these linguistic shifts. By Geoffrey James | Feb 13, 2012
Some people see the world through a filter of optimism. They always make lemonade from the lemons, no matter what happens. Others see the world through a filter of pessimism; they always find the cloud in the silver lining.
It's a truism of life that the optimists are always more successful than the pessimists, but that raises a crucial questions: how can you change your attitude to be more optimistic? The answer? Change the words that you use every day to describe your experience.
Here are some quick language tricks that can change your attitude.
1. Stop using negative phrases ... such as "I can't," "It's impossible," or "This won't work." Such statements program your mind to look for negative results.
2. When asked "How are you?" ... respond with "Terrific!" or "Fabulous!" or "I've never felt better!" rather than a depressing "OK" or "Getting by."
3. Stop complaining ... about things over which you have no control—such as the economy, your company, or your customers.
4. Stop griping ... about your personal problems and illnesses. What good does it do, other than to depress you and everyone else?
5. Substitute neutral words ... for emotionally loaded ones. For example, rather than saying “I'm enraged!” say “I'm a bit annoyed”—or, better yet, “I've got a real challenge.”
6. Expunge profanity and obscenity ... from your vocabulary. Such words are always signs of a lazy mind that can't think of something really witty to say.
Rules 1 through 4 came from Jeff Keller, author of the bestseller Attitude Is Everything. Rule 5 come from Tony Robbins. Rule 6, as it happens, comes from my mother.


VIA: Mansueto Ventures LLC



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

CarloMaria Grassi - pubblicato il 14/02/2012 - permalink
comunicazione marketing scienze della comunicazione management motivazione


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Massimiliano Hangler | altri suoi testi nel blog
Il caso dello Yogurt Fattoria Scaldasole

Il packaging come leva di marketing – il caso dello Yogurt Fattoria Scaldasole

Come sempre le mie visite nei supermercati di Bergamo mi danno lo spunto per un’analisi di marketing.

Negli elenchi aggiornati delle mitiche “P” del marketing compare ormai a ragion veduta il Packaging. L’imballo primario è infatti il media ultimo che parla al consumatore nel momento di acquisto (e anche dopo, come nel caso di una bottiglia di vino che troneggia a tavola).

Nel food questo è ancora più vero: la comunicazione di prodotto si concretizza in pochi centimetri quadrati, entro i quali le persone cercano avidamente l’informazione ultima per convincerli ad afferrare il prodotto che stanno valutando. Il prodotto dal canto suo ha pochi secondi per essere convincente ed entrare in sintonia con l’utilizzatore.

In assenza di altri moventi d’acquisto come le promozioni, il packaging è il nostro vessillo primario per vendere a prezzo pieno. Ma come progettare un packaging che funziona?

1 Entrare in risonanza con le persone

Dando per scontata la qualità del prodotto (in rapporto al prezzo ovviamente) che comunque non è testabile al momento dell’acquisto, rimane la confezione! In questo ambito sono 2 gli elementi principali da dosare per una comunicazione efficace:

- La grafica (iconografia, colori, font, simboli, ecc.)

- I materiali

Per mostrare come ciò si concretizza utilizzerò l’esempio dello Yogurt che acquisto di solito, lo Yogurt Naturale Biologico della Fattoria Scaldasole.

Il suddetto prodotto utilizza per colpire l’attenzione di chi come me è naturofilo, molti simboli unuversalmente associati alla genuinità:

- Arcobaleno, farfalline e coccinelle che volano per tutto il facing di prodotto

- Classicissimo contenitore per il latte contadino

- Indicazione della dicitura Bio e Biodinamica

- Lo stesso termine “Fattoria”

Fronte packaging

… e nel retro della confezione:

- bicicletta (usata dai naturofili anche nell’insidioso traffico cittadino)

- simbolo UE del Biologico

- testo descrittivo in merito all’agricoltura Biodinamica

Retro del Packaging

In più la grafica è stampata su di un involucro di carta (plastificata), che dona al prodotto un aspetto molto più naturale rispetto ai concorrenti che riportano la grafica direttamente sulla plastica del packaging.

2 Essere coerenti con i valori del marchio

Se la sera avete bisogno di suoni new age for free, o se volete dare un’occhiata a come questo brand comunica on-line, vi consiglio un tour sul sito www.fattoriascaldasole.it , per “respirare” l’origine dei valori espressi dal marchio. Il packaging in questione fa di più: educa e conduce il suo consumatore (che presumibilmente è già attento a questi aspetti), al riciclo e alla scomposizione del packaging in carta e plastica (anticipando un aspetto sempre più importante e pubblicizzato).

Tramite una linguetta rossa incuriosisce con la scritta “Apri, leggi e… ricicla!”

Linguetta pro-riciclo

La scelta del doppio materiale (carta + plastica) e il forte invito al riciclo sono unici di questo packaging nell’ambito degli Yogurt in GDO, ma il bello deve ancora venire.

3 Comunicare fino all’ultimo

Il bello del mezzo di comunicazione packaging è che inserire 1 informazione o inserirne 100 costa uguale (avviamente purché tutte rilevanti)!

In particolare stampando nel retro di etichette o sugli imballi secondari possiamo ottenere ancora un effetto “sorpresa” per comunicare ulteriori informazioni. In questo caso il brand fornisce ulteriore valore alla comunicazione, suggerendo una ricetta per preparare un “Eco-ghiacciolo” con lo Jogurt… ma non solo:

Eco-ghiacciolo

- i testi sono tratti dal sito GreenMe.it, testata giornalistica legata all’ambito Green

- E’ presente un recall al sostegno sociale di Fattoria Scaldasole verso il Centro di Aiuto al Bambino Maltrattato

Conclusione

Senza nulla togliere ai packaging minimalisti e dalle corte liste di ingredienti della concorrenza, questo esempio mi sembra utile per capire come in definitiva il packaging possa e debba sintetizzare tutta la strategia aziendale in un unico potentissimo strumento di marketing.

L’unica nota dolente, a parer mio, è la mancanza dell’indicazione della provenienza del latte… mi piace immaginare che i muu uditi sul sito internet dell’azienda provengano da italiche stalle, ma non esageriamo!


VIA: Marketing Bergamo



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Massimiliano Hangler - pubblicato il 18/01/2012 - permalink
packaging comunicazione di prodotto


Discussioni 0
Aggiungi un commento
annalisa pisano | altri suoi testi nel blog
La Business School C Management inserisce il laboratorio “Grafica pubblicitaria”, a supporto dell’offerta formativa del Master in Comunicazione e Marketing.

Secondo Platone, l’idea è dentro di noi anche se non abbiamo incontrato nella nostra vita qualcosa che ce la rappresenti. Qualcun altro sostiene che non avevamo di certo l’Idea dell’ipod prima che Apple lo inventasse. Molti altri poi aggiungono che senza conoscere le caratteristiche tecniche dell’ipod non sarebbero mai nate tutte le successive applicazioni o le strategie pubblicitarie ad esso abbinate. Noi di CManagement pensiamo di risolvere la grande disputa offrendo ai nostri allievi del Master in Comunicazione e Marketing la possibilità di aggiungere all’offerta formativa standard un laboratorio tecnico che insegni ad usare gli strumenti di base di Adobe Illustratore e Photoshop. L’obiettivo non è diventare un grafico, web designer o foto ritoccatore, ma un traduttore simultaneo tra la lingua dell’azienda-cliente e l’ostrogoto del grafico, del web designer o del foto ritoccatore! Qual è la differenza tra un logo in jpg o in vettoriale? Dove posso trovare le immagini o i font più creativi per presentare delle bozze al mio capo o al mio cliente finale? E, dunque, quali idee posso permettermi di realizzare e quali, non avendo strumenti, devo lasciare nell’iperuranio platonico del mio subconscio?! Per rispondere a tutte queste domande, ISCRIVITI al Master in Comunicazione e Marketing - C Management www.cmanagement.it


VIA: C Management



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

annalisa pisano - pubblicato il 05/10/2011 - permalink
master roma master comunicazione e marketing grafica pubblicitaria corso grafica pubblicitaria c management C Management master comunicazione master marketing business school roma


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Chiara Puglia | altri suoi testi nel blog
Carta Enjoy e PerMicro, anche per i nuovi italiani

UBI Banca ha recentemente lanciato una innovativa campagna di comunicazione rivolta agli stranieri in Italia e partita con una serie di azioni sul territorio di Bologna, città italiana che accoglie diverse comunità di immigrati. In collaborazione con la redazione multiculturale di Crossing TV, webTV delle cross-generation, UBI Banca ha realizzato una serie di video (http://vimeo.com/20233895 - http://vimeo.com/20857842 - http://vimeo.com/21090740) dedicati ad alcuni momenti di vita delle comunità filippine, romene e bengalesi che vivono in Italia. Grazie anche alla collaborazione con Crossing TV, UBI Banca è riuscita ad instaurare un contatto più approfondito con le comunità immigrate e ha tentato di individuare le loro abitudini nella fruizione delle informazioni nel tentativo di progettare una campagna di comunicazione che fosse sentita e vicina ai pubblici cui si rivolge. La campagna vuole promuovere due servizi particolarmente vantaggiosi, in grado di favorire l’esigenza di integrazione degli stranieri sul piano economico e finanziario: Carta Enjoy e PerMicro. - PerMicro http://www.permicro.it/ è la forma di microcredito che garantisce sostegno e una reale opportunità per l’erogazione di prestiti di piccola entità a persone che vorrebbero accedere a questo strumento finanziario e che molte volte trovano difficoltà nell’ottenerlo. - Carta Enjoy http://www.ubibanca.com/nuovi-italiani è invece la carta contro corrente di UBI Banca che permette di avere un enorme risparmio rispetto alle normali carte di pagamento. Oltre a consentire di prelevare gratuitamente da qualsiasi sportello ATM in Italia, può essere usata in tutto il Mondo perché fa parte del circuito MasterCard, ti permette di usufruire di sconti con la compagnia Ryanair e costa solo 1 euro al mese. 12 euro all’anno! I nuovi servizi sono aperti a tutti.


VIA: Viralbeat



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Chiara Puglia - pubblicato il 15/04/2011 - permalink
ubi banca campagna di comunicazione carta enjoy permicro giovani stranieri studenti


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Silvia Boldrini | altri suoi testi nel blog
metamorfosi fantastiche

Da un'idea dell'artista Ferruccio Lipari (alias Quaz) scaturisce  www.Quaz-art.it , il nuovo portale dedicato all'arte sperimentale.

Quaz-Art è dedicato alla ricerca artistica d’avanguardia, pazientemente votato alla sollecitazione e alla sensibilizzazione del più vasto pubblico possibile nei confronti dell’arte digitale e più in generale dell’arte sperimentale.

Quando si parla di creatività non ci si può solo riferire alla passione della carica innovativa ma anche e soprattutto alla ricerca e allo studio del suo significato intrinseco - il cosiddetto sperimentalismo.

Le Categorie attualmente previste su Quaz-Art spaziano dalla computer grafica al fumetto, passando obbligatoriamente da illustrazione e fotografia sperimentale.

Nella mappa delle “metamorfosi fantastiche” attualmente sono presenti su Quaz-Art le opere di:

Matteo Arfanotti, Federico Bebber, Silvia Boldrini aka SilviaB, Anna Caruso, Alessandro Della Pietra, Maurizio Di Feo, Bruno Di Maio, Irene Dose, Chiara Fersini, Paola Fumagalli, Andrea Gatti, Alessandra Guglielmetti, Ferruccio Lipari alias Quaz, Francesco Mai, Danilo Martinis, Monica Migliorini, Paul Redfern, Dorian Rex, Roberta Sacchi, Francesco Sambo, Giacomo Saviozzi, Fabio Selvatici, Henry Triplette, Roberta Ubaldi, Luca Valenti


>>  www.Quaz-art.it


Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Silvia Boldrini - pubblicato il 04/03/2011 - permalink
comunicazione artistica digital art painting grafica fotografia


Discussioni 0
Aggiungi un commento
Ateneo Impresa | altri suoi testi nel blog
FISSATE AL 25 FEBBRAIO LE PROSSIME SELEZIONI

Fissata al 25 febbraio la prossima data di selezione per l’accesso alla nuova edizione del Master in Marketing e Comunicazione di Ateneo Impresa http://www.ateneoimpresa.it/, in partenza a giugno 2011. L'appuntamento è previsto alle ore 14:00 in Corso Vittorio Emanuele II N°18, a Roma. La giornata di selezione è assolutamente gratuita e non vincolante http://www.ateneoimpresa.it/index.php?option=com_wrapper&view=wrapper&Itemid=225 . Il Master in Marketing e Comunicazione ha la durata di 3 mesi d’aula (inizio previsto a giugno 2011), ai quali si aggiungono dai tre ai sei mesi di stage in una delle prestigiose realtà del network di aziende partner (solo per citare qualche nome: Nike, Ducati, Renault, Dada, Salvatore Ferragamo, Patrizia Pepe, Cafè Noir, Fossil, Yoox, Microsoft, Promodigital, Adnkronos Comunicazione, FAO, ENIT, The Blog Tv). Sono 4 le Specializzazioni previste per il Master in Marketing e Comunicazione: Eventi Artistici, Culturali e dello Spettacolo: http://www.ateneoimpresa.it/index.php?option=com_content&view=article&id=165&Itemid=76 Moda e Beni di Lusso: http://www.ateneoimpresa.it/index.php?option=com_content&view=article&id=120&Itemid=167 Relazioni Pubbliche Internazionali: http://www.ateneoimpresa.it/index.php?option=com_content&view=article&id=133&Itemid=77 Web e Social Media: http://www.ateneoimpresa.it/index.php?option=com_content&view=article&id=74&Itemid=79 Grazie al contributo della Fondazione Ateneo Impresa e delle aziende partner, tutti i partecipanti alle selezioni avranno l’opportunità di concorrere all’assegnazione di Borse di Studio, che possono arrivare a coprire fino al 50% della quota di partecipazione. Le Borse di Studio vengono assegnate su base esclusivamente meritocratica. Ateneo Impresa dà infine la possibilità, a tutti i candidati che non hanno modo di presentarsi alla giornata di selezione, di concordare un colloquio individuale con uno dei coordinatori del Master. Info: Ateneo Impresa S.p.A tel 06.69920231 e-mail info@ateneoimpresa.it


VIA:



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

Ateneo Impresa - pubblicato il 22/02/2011 - permalink
master comunicazione ateneo impresa selezioni marketing


Discussioni 0
Aggiungi un commento
L'agenda del creAttivo
I nostri autori sono:

Abbiamo parlato di:

Top five
RSS

Add to Technorati Favorites

 
 
 
Le nostre rubriche