ctablog, il logo
Area Riservata

Recupera i tuoi dati

iscriviti
username
password leggi le news sul mondo del Mkt e della comunicazione
ricordami

 
cristina skarabot | altri suoi testi nel blog
Sfida calcistica o economica

Dopo Grecia-Germania della settimana scorsa, che ha portato in campo l’economia tedesca contro quella appesa a un filo della piccola Grecia, ecco che in semifinale  sfideranno la squadra tedesca ben tre paesi oggetto di forti speculazioni e vessazioni da parte di questo Paese e della comunità finanziaria internazionale: il Portogallo, la Spagna e l’Italia, il cui spread con i Bund tedeschi oggi è ritornato preoccupantemente sopra quota 450. Gli Europei 2012 ci propongono quindi numerose analogie tra mondo dello sport ed economia. La sfida Germania – Grecia sembrava ricalcare le gesta  dei 300 di Leonida alle Termopili: l’esercito e l’economia ordinata e forte dei tedeschi, con bassi tassi di interesse e un debito pubblico sotto controllo, contro un piccolo paese sull’orlo del default e con una spesa pubblica folle, con diversi parametri da rispettare per rimanere nell’Euro.Sappiamo come è finita la partita di calcio, staremo a vedere come finirà quella economica. Analogamente si ripropone questa volta l’ennesima sfida Italia – Germania, una battaglia infinita dove le vicende calcistiche ricalcano la tensione economica fra questi due stati e che vede l’Italia come nazione in maggiore difficoltà dal punto di vista economico. I parametri dettati dalla Merkel sono pressoché impossibili da rispettare in assenza di una politica fiscale comunitaria e in assenza di un trasferimento dei poteri legislativi da Berlino o di progetti di condivisione del debito dei Paesi dell’ Eurozona. Ma da questo punto di vista Frau Merkel sembra non sentirci. A livello di Coaching emerge in modo palese quanto lontani siamo dal “fare squadra” a livello europeo. C’è sempre il più forte, l’individualista, quello “più bravo” che non si vuole sacrificare per la squadra, per il team. C’è sempre chi vuole comandare in senso autoritario e basandosi sulla legge del più forte invece che su quella del leader. Per troppo tempo abbiamo vissuto (parlo di noi Europei in erba)  facendoci guerra e cercando di prevaricare gli uni sugli altri. Oggi che le armi  non si usano più (almeno in Europa) dovremmo fare emergere uno spirito di team in grado di valorizzare le  caratteristiche di ciascun Paese  valorizzate per favorire una crescita comune e una maggiore competitività internazionale. Il vero leader lavora a vantaggio del team, dove vantaggi e sacrifici sono condivisi. Ma chi oggi può rappresentare il Leader dell’Europa? Nessuno oggi è abbastanza forte da prendere le redini, nemmeno la Germania. Cosa ci aspettiamo dalla sfida calcistica di giovedì 28 in campo? Di sicuro troveremo  le rivalità di sempre, ma questa volta accresciute dalla crisi profonda che la moneta unica sta attraversando. Cogliamo questo spunto di vero Coaching “politico” e “sportivo” per abbandonare definitivamente i fantasmi del passato e per abbracciare tutti insieme uno spirito nuovo di cui si parla da 60 anni ma che non può e non deve rimanere appeso soltanto a una moneta senza padrone, ma deve dar vita ad uno Stato vero in grado di prosperare.  Se ciò sembra ancora prematuro, beh, cominciamo a lavorare in questa direzione. Il ritorno ai singoli stati e alle singole monete sarebbe la vittoria dei nostri avversari e una sconfitta senza eguali per tutti noi futuri cittadini d’Europa. Naturalmente che vinca il migliore in campo e da italiano non posso che concludere con: Forza Italia!


VIA: TheNextStep



Share on Facebook | View post reactions | AddThis Social Bookmark Button

cristina skarabot - pubblicato il 27/06/2012 - permalink
calcio economia crisi Germania Italia coaching Milano business team leadership Merkel collaborazione euro


Discussioni 0
Aggiungi un commento
L'agenda del creAttivo
I nostri autori sono:

Abbiamo parlato di:

Top five
cristina skarabot sonoLaureata nel dicembre 2008 in Relazioni Pubbliche d'Impresa a Gorizia con una tesi sulle strategie di comunicazione nelle PMI, appassionata di web, social media e nuove tecnologie e dotata di insaziabile curiosità: questa sono io.
Un posto dinamico, dove ci sia sempre qualcosa da scrivere (off o online), dove la creatività sia la regola e non l'eccezione e dove le relazioni pubbliche siano una professione che gode di dignità e rispetto: questo è il luogo di lavoro che cerco. Fino a maggio 2012 ho lavorato in Attitudo, agenzia di comunicazione e marketing di Bovisio Masciago (MB) dove mi sono occupata dell'attività di ufficio stampa e relazioni pubbliche per clienti del settore IT. Ora sono invece responsabile marketing e new business di TheNextStep, azienda specializzata in Business Coaching e formazione manageriale.
Ultimi post pubblicati:
Europei 2012
pubblicato il 27/06/2012


Blogroll
_______

I nostri tag
ciclo d cane prevenzione C Management comunicazione visiva pubblicit master comunicazione e marketing comunicazione agenzie di comunicazione Colonia packaging donne fiat scrittura creativa permission marketing organizza eventi relazioni pubbliche premi dash lana e delicati il futuro dei social media pr sociale al Ferpi donare come Villa Marketing degli eventi collaborazione seo copywriting Germania questo blog almo nature rethink the holmes report ciclo di vita del cliente www.comunitazione.it keyword advertising billboard web marketing mestiere bandi Politecnico giandomenico belliotti creativi italiani TCI Litorama conversazioni dal basso awareness campaign
RSS

Add to Technorati Favorites

 
 
 
Le nostre rubriche