...

Moda: la tradizione incontra o si scontra con la modernità?

Non c’è niente che funzioni meglio del coinvolgere personalmente i propri clienti. E i grandi brand di moda lo sanno bene! Basta dare un’occhiata alla quantità di eventi che ogni giorno si affastellano nel panorama fashion.

La verità è una: la moda per pochi intimi ha ormai stancato.
La gente pretende una moda democratica, che consenta a tutti, appassionati, esperti o meno, di partecipare. Il boom del fenomeno dei fashion blogger ne è sicuramente una (impressionante) riprova!

È una sfida per i marchi italiani di Haute Couture, conosciuti in tutto il mondo, quelli che hanno portato la tradizione sartoriale italiana oltreoceano e non solo, facendo di Milano il sogno proibito dei fashion addicted.

All’estero l’hanno fatto in molti: da Burberry, grande brand inglese famoso per i suoi trench e per il tipico disegno scozzese, a Dior, emblema del lusso parigino. Hanno scelto una via per arrivare a tutti: i social media. Burberry, ad esempio, ha coinvolto i suoi utenti creando The Art of Trench, un progetto a cui partecipano persone di tutto il mondo, che inviano scatti di se stessi con indosso un trench, per dimostrare come sia davvero un evergreen. Ci sono foto di tutti i generi, dalla donna in carriera al ragazzo alternativo. Ogni tanto vengono rinnovate, per dare a tutti la possibilità di partecipare. Naturalmente The Art of Trench è collegato anche a Facebook.

Le strategie e le idee possibili per i brand di moda sono tantissime: Twitter, un canale Youtube che contenga i contributi degli utenti, il coinvolgimento dei blogger a cui vengono inviati i capi da indossare, da scattare e da pubblicare nel proprio blog.

Ma in Italia ancora troppi marchi non sanno come muoversi tra i Social Network, limitandosi spesso a inviti alle sfilate per i fashion blogger, come se bastasse la loro presenza nei front row più importanti per riuscire nell’impresa di coniugare il valore di lusso del brand alla realtà di oggi, che invece ha un solo dogma: se non hai Facebook, non esisti.

E allora noi di TheGoodOnes poniamo 2 domande ai fashion brand manager italiani:

Come fare per portare il proprio marchio sul mercato, con campagne che possano coinvolgere utenti e clienti di ogni genere, senza perdere l’aura di luxury brand?

Come superare l’idea di sminuire il valore del marchio, timore costante per i brand di alta moda, con l’ingresso nel mondo dei Social Network?

http://thegoodones.wordpress.com/2011/05/08/moda-la-tradizione-incontra-o-si-scontra-con-la-modernita/

Tag dell'articolo ricavati in automatico: brand |

La nostra community

    Luca Oliverio
    Gianluigi Zarantonello
    Salvatore Pipero
    adolfo tasinato
    Paolo Arfelli
    Claudio Capovilla
    IQUII srl
    Francesca Sanguineti
    Jerome Sicard
    Emanuele Tolomei
    Roberto Marsicano
    Fabio Fiori
    Alessandro Prunesti
    alessia de leonardis
    pasquale romano
    Luigi De Luca
    Eidos Communication
    Michele Schisa
    Alessandro Mirri
    Roberta Fabiani
    Michele Rinaldi
    Simona Ibba
    Riccarda Patelli Linari
    Nona Stanciu
    Fabrizio Senici
    daniele vinci
    Alessandra Campanile
    Elena Ianeselli
    Luciano Saltarelli
    Anna Torcoletti
    Sara Caminati
    Nicola Ferrari
    Maresa Baur
    Alt Design Web Agency
    Giovanni Ciardulli
    Giovanni Cappellotto

I nostri autori

Job Board

Cernuto Pizzigoni & Partners
cerca Art director Digital
inserita il 20/01/2015 19:09:22
Posytron Engineering s.r.l.
cerca Programmatore Java/WEB
inserita il 12/11/2010 15:45:28
Puoi farlo seguendo queste semplici istruzioni

Latest Posts