...

L'e-commerce che verrà

Da pioniera del Web, ho seguito sin dai suoi esordi il fenomeno e-commerce. Fine XX secolo! Erano gli anni delle connessioni lente, dell’ISDN a singhiozzo (a casa mia), dei primi vagiti della Net Economy, dell’Italia che scopriva l’uso delle e-mail, anche a scopo promozionale. Leggevamo che gli Americani a Natale facevano acquisti sugli store online dove, senza doversi spostare da casa, trovavano di tutto e di più, comodamente consegnato a domicilio entro pochi giorni dall’ordine etc.
A me pareva, la loro, una macchina fantastica, oliata alla perfezione. Da noi la scena era ancora deserta e gli impazienti cominciavano a scrutare curiosi le possibilità offerte da Amazon. Poi arrivarono i primi operatori nazionali i quali si trovarono da subito ad annaspare tra i problemi. Logistica: sì, no, come? Marketing, policy dei prezzi, gestione dei resi, costi di spedizione, forme di pagamento, appeal e navigabilità dei siti etc.
Fior di discussioni e dibattimenti in tema di commercio elettronico erano all’ordine del giorno (l’archivio di Mlist è una risorsa preziosissima per chi volesse farsene un’idea).
A distanza di oltre 10 anni mi pare pur giusto tirare le somme, o no?
Lo ha fatto in queste settimane la Commissione Europea, l’ho fatto io da acquirente.
Ne emerge che di abusi ce n’erano e continuano ad essercene troppi, che l’acquirente risulta essere la parte debole, che gli Italiani sono ancora poco attratti dalle vendite online. L’Europa allora avanza le prime (discutibili) proposte per regolamentare il mercato, ma a me francamente non convincono.

 

Da cliente, a partire dal mio primo temerario acquisto con carta di credito (datato Settembre 2001), se mi sottoponessero un questionario di customer satisfaction, potrei dichiararmi soddisfatta solo al 50%. Non di più, per ora.

 

Ho sempre guardato all’e-commerce come ad una opportunità, che soprattutto il Made in Italy  avrebbe potuto cogliere prima. Nel fashion, ad esempio, per anni abbiamo dovuto sorbirci un’offerta misera, fatta spesso di fondi di magazzino, di collezioni passate, di merce pseudo-scontata, fallata, talvolta di contraffazioni. Gli store monomarca del lusso (pochi) sono apparsi solo in anni recenti, e con fatica. “Gli stlisti sono scettici”, ci dicevano. In realtà solo tempo ed affari persi, non credete?

 

Ed allora, a ripensarci, ben vengano pure le iniziative di Bruxelles, purchè si riordini, e ci sia finalmente stimolo per nuovi e più qualificati operatori.

Titti Zingone

Marketing Park

Tag dell'articolo ricavati in automatico: marketing |

La nostra community

    Luca Oliverio
    Gianluigi Zarantonello
    Salvatore Pipero
    adolfo tasinato
    Paolo Arfelli
    Claudio Capovilla
    IQUII srl
    Francesca Sanguineti
    Jerome Sicard
    Emanuele Tolomei
    Roberto Marsicano
    Fabio Fiori
    Alessandro Prunesti
    alessia de leonardis
    pasquale romano
    Luigi De Luca
    Eidos Communication
    Michele Schisa
    Alessandro Mirri
    Roberta Fabiani
    Michele Rinaldi
    Simona Ibba
    Riccarda Patelli Linari
    Nona Stanciu
    Fabrizio Senici
    daniele vinci
    Alessandra Campanile
    Elena Ianeselli
    Luciano Saltarelli
    Anna Torcoletti
    Sara Caminati
    Nicola Ferrari
    Maresa Baur
    Alt Design Web Agency
    Giovanni Ciardulli
    Giovanni Cappellotto

I nostri autori

Job Board

Cernuto Pizzigoni & Partners
cerca Art director Digital
inserita il 20/01/2015 19:09:22
Posytron Engineering s.r.l.
cerca Programmatore Java/WEB
inserita il 12/11/2010 15:45:28
Puoi farlo seguendo queste semplici istruzioni

Latest Posts